Rinascere come coppia

Il luogo del pensiero, dell'approfondimento, della discussione; società, politica, religione e tanto altro su cui riflettere, un occhio critico sul mondo che ci circonda.
Avatar utente
la yle
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3291
Iscritto il: gio ago 23, 2007 3:03 pm

Re: Rinascere come coppia

Messaggio da la yle »

Anche mio marito è figlio unico di madre vedova ma abbiamo fatto scelte differenti: la nonna per ridurre i tempi di asilo deii bambini e il resto del tempo li passiamo insieme.
Io ho ricordi terribili nel mio inconscio di bambina quando i miei andavo via per serate e we. Un senso di abbandono e di impaccio che non mi ha mai abbandonato. Idem per mio marito la cui mamma era sindacalista e spesso era a roma costringendolo a vivere dalla nonna.
Arriverà di nuovo il momento in cui torneremo coppia. Al momento siamo famiglia. E godiamo di questi anni visto che presto i figli avranno esigenze diverse.


Avatar utente
Palli
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3195
Iscritto il: lun ago 24, 2009 12:42 pm

Re: R: Rinascere come coppia

Messaggio da Palli »

los ha scritto:
Maura ha scritto: Anche perché quando ci si ritrova con i figli ormai adulti non si è perso il filo.
Ne ho visti tanti di legami ormai morti, purtroppo non coltivare il rapporto a due ma viverlo solo come famiglia può causare un allontanamento che si percepisce solo nel momento in cui ci si ritrova da soli e non si ha più niente o quasi da dirsi.
Non togliere ALTRO tempo ai figli, non significa mica non coltivare il rapporto di coppia.
Significa ingegnarsi a coltivarlo senza andare a discapito loro.
Significa ritrovarsi a far le 2 di notte a chiacchierare sottovoce per non svegliarli.
O, viceversa, rimettere la sveglia della domenica mattina alle 6 per far colazione da soli prima che loro si sveglino.
Significa prendersi una mattina di permesso dal lavoro per stare insieme mentre loro sono a scuola.
Avatar utente
candyda
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2278
Iscritto il: mer gen 12, 2011 9:50 am
Località: TORINO

Re: Rinascere come coppia

Messaggio da candyda »

Io adesso mi sento famiglia, e non coppia.
In 6 anni di matrimonio, io e mio marito abbiamo lasciato 1 sera a casa Giada per uscire a cena noi due.
Il resto del tempo lo passiamo insieme, tutti e tre quando riusciamo.
Ci sono state occasioni in cui Giada andava dormire dalla zia, oppure quest'estate che è andata in fattoria 2 settimane. In quei momenti ci siamo goduti la nostra coppia, ma non siamo stati noi a "lasciare" Giada per poter stare insieme. Secondo me è diverso.
Non mi sentirei di fare diversamente. Forse il mio rapporto di coppia ne risente, o forse no. Arriverà fin troppo presto il tempo in cui Giada vorrà stare con le amiche piuttosto che con me, e nel frattempo voglio assaporare ogni minuto libero con lei.
Avatar utente
los
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2011
Iscritto il: mer ago 07, 2013 3:30 pm

Re: R: Rinascere come coppia

Messaggio da los »

Palli ha scritto:
los ha scritto:
Maura ha scritto: Anche perché quando ci si ritrova con i figli ormai adulti non si è perso il filo.
Ne ho visti tanti di legami ormai morti, purtroppo non coltivare il rapporto a due ma viverlo solo come famiglia può causare un allontanamento che si percepisce solo nel momento in cui ci si ritrova da soli e non si ha più niente o quasi da dirsi.
Non togliere ALTRO tempo ai figli, non significa mica non coltivare il rapporto di coppia.
Significa ingegnarsi a coltivarlo senza andare a discapito loro.
Significa ritrovarsi a far le 2 di notte a chiacchierare sottovoce per non svegliarli.
O, viceversa, rimettere la sveglia della domenica mattina alle 6 per far colazione da soli prima che loro si sveglino.
Significa prendersi una mattina di permesso dal lavoro per stare insieme mentre loro sono a scuola.
Sì, certo! Anche questo vale uguale.
Avatar utente
Lelia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3781
Iscritto il: ven lug 03, 2009 10:00 am

Re: Rinascere come coppia

Messaggio da Lelia »

Parlo da figlia e mi permetto solo di far notare che anche passare poco (e il concetto di "poco" è ovviamente soggettivo) tempo con i figli può avere delle conseguenze nel rapporto con i figli.
Mia madre in certi periodi c'è stata molto poco - per lavoro - e da me adolescente la durissima frase "cazzo vuoi da me tu che non ci sei mai???" se l'è beccata.
Tuttora il rapporto che io ho con lei è profondamente diverso da quello che ho con mio padre, che invece ha fatto la precisa scelta di passare quanto più tempo possibile con noi figli e ha un rapporto migliore con entrambi noi figli.
E' ovviamente un discorso diverso da quello che si sta facendo qui perché io non parlo di tempo di svago di coppia ma di altro, era solo per far notare che come certe "assenze" possono pesare a livello di coppia, altre "assenze" possono pesare a livello di famiglia.
Avatar utente
candyda
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 2278
Iscritto il: mer gen 12, 2011 9:50 am
Località: TORINO

Re: R: Rinascere come coppia

Messaggio da candyda »

Palli ha scritto:
los ha scritto:
Maura ha scritto: Anche perché quando ci si ritrova con i figli ormai adulti non si è perso il filo.
Ne ho visti tanti di legami ormai morti, purtroppo non coltivare il rapporto a due ma viverlo solo come famiglia può causare un allontanamento che si percepisce solo nel momento in cui ci si ritrova da soli e non si ha più niente o quasi da dirsi.
Non togliere ALTRO tempo ai figli, non significa mica non coltivare il rapporto di coppia.
Significa ingegnarsi a coltivarlo senza andare a discapito loro.
Significa ritrovarsi a far le 2 di notte a chiacchierare sottovoce per non svegliarli.
O, viceversa, rimettere la sveglia della domenica mattina alle 6 per far colazione da soli prima che loro si sveglino.
Significa prendersi una mattina di permesso dal lavoro per stare insieme mentre loro sono a scuola.
Ecco, Palli lo dice meglio di me!
Per noi significa magari pranzare insieme mentre lei è a scuola, e non cenare insieme soli mentre lei starebbe con noi.
Avatar utente
Maura
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3969
Iscritto il: dom lug 28, 2013 10:37 pm

Re: Rinascere come coppia

Messaggio da Maura »

Lelia ha scritto:Parlo da figlia e mi permetto solo di far notare che anche passare poco (e il concetto di "poco" è ovviamente soggettivo) tempo con i figli può avere delle conseguenze nel rapporto con i figli.
Mia madre in certi periodi c'è stata molto poco - per lavoro - e da me adolescente la durissima frase "cazzo vuoi da me tu che non ci sei mai???" se l'è beccata.
Tuttora il rapporto che io ho con lei è profondamente diverso da quello che ho con mio padre, che invece ha fatto la precisa scelta di passare quanto più tempo possibile con noi figli e ha un rapporto migliore con entrambi noi figli.
E' ovviamente un discorso diverso da quello che si sta facendo qui perché io non parlo di tempo di svago di coppia ma di altro, era solo per far notare che come certe "assenze" possono pesare a livello di coppia, altre "assenze" possono pesare a livello di famiglia.
Ecco vedi. Mio padre rientrava tardissimo ogni sera. Un po' come fa mio marito. Me lo vivevo solo durante le vacanze che facevamo in inverno e una settimana d'estate.
Eppure l'ho sempre sentito molto presente e attento. Più di mia madre che era casalinga e stava con noi sempre.
I miei ci lasciavano dalla nonna tutti i sabati o quasi. Quando avevo 14 anni andavano spesso via tutto il weekend. Ho ricordi bellissimi di quei giorni da nonni o a casa da sola con mio fratello.
Avatar utente
Lelia
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3781
Iscritto il: ven lug 03, 2009 10:00 am

Re: Rinascere come coppia

Messaggio da Lelia »

Maura ha scritto:Ecco vedi. Mio padre rientrava tardissimo ogni sera. Un po' come fa mio marito. Me lo vivevo solo durante le vacanze che facevamo in inverno e una settimana d'estate.
Eppure l'ho sempre sentito molto presente e attento. Più di mia madre che era casalinga e stava con noi sempre.
I miei ci lasciavano dalla nonna tutti i sabati o quasi. Quando avevo 14 anni andavano spesso via tutto il weekend. Ho ricordi bellissimi di quei giorni da nonni o a casa da sola con mio fratello.
Questo perché non tutti i figli sono uguali, e non tutti i genitori sono uguali, direi :-)
Nel tuo caso cmq c'era una mamma casalinga. Un genitore molto presente permette all'altro genitore di essere poco presente, per come la vedo. E cmq, ripeto, mio padre era molto presente e nonostante questo io ho sofferto per la poca presenza di mia madre. Ma se anche lui fosse stato molto impegnato fuori casa sarebbe stato innegabilmente molto peggio per me.
Cmq secondo me sono scelte che vanno modulate anche sul carattere che i figli, crescendo, mostrano di avere. Quello che va bene per un bambino/ragazzino di carattere molto indipendente può non andare bene per un altro meno indipendente. E anche quello indipendente, al di là delle apparenze, può aver bisogno di una presenza più costante.
Rispondi