Coliche del neonato

da . 2 aprile 2007
Vota questo articolo

Prec1 of 2Succ
Usa i tasti ← → per navigare

Coliche Le famigerate “coliche” sono un argomento che, purtroppo, interessa molti genitori.
Con il termine “coliche” ci si riferisce a crisi di pianto prolungate e apparentemente inspiegabili, che colpiscono i neonati, nei primi 3-4 mesi di vita, tipicamente nelle ore serali (fra il tardo pomeriggio e le prime ore della notte). Sono definite anche “coliche gassose” perché spesso il neonato piangendo emette aria, anche se probabilmente le cause possono essere molteplici, diverse da bambino a bambino e presenti anche in contemporanea.

Il pediatra escluderà prima di tutto problemi di altro tipo (fame, reflusso gastroesofageo, mal d’orecchie e così via). Una volta verificato che il bambino è sano e cresce regolarmente, in base alle caratteristiche dei pianti vi parlerà appunto di coliche, in modo assolutamente tranquillizzante: le coliche sono frequenti, normali e passeggere. Ciò non toglie che per i neogenitori siano causa di stress e stanchezza!

State tranquille!
La prima cosa che faranno parenti e conoscenti è colpevolizzarvi! La “colpa”, nelle loro argomentazioni, potrà consistere nella vostra dieta, o nel vostro nervosismo. Preparatevi al fatto che ogni piccolo problema del neonato sarà “colpa” vostra… e preparatevi a non prendervela troppo.
Sebbene l’immediato periodo dopo il parto sia emotivamente delicato per le mamme e non sia facile restare indifferenti e sentirsi sempre sicure di sé, l’importante è fare riferimento al proprio pediatra di fiducia e ignorare gli “esperti” improvvisati.
Se anche esistesse una componente emotiva dovuta alla tensione della madre (che più che altro ne è comprensibilmente una conseguenza), sottolinearlo non è certo un aiuto per la neomamma, che ha bisogno di essere tranquillizzata e acquisire fiducia in se stessa.

Cause
Una possibile causa è l’immaturità intestinale del neonato: l’apparato digerente del bambino è nuovo di zecca e probabilmente ha bisogno di un periodo di “rodaggio” per imparare a funzionare correttamente.
Possono essere implicate, in una parte dei casi, alcune allergie o intolleranze alimentari, in particolare alle proteine del latte o al lattosio (lo zucchero del latte) che possono effettivamente causare disturbi all’apparato digerente.
Forse sono implicate anche motivazioni di tipo emotivo, di adattamento alla nuova vita fuori dall’utero e quindi di stress.

Soluzioni
I possibili approcci sono molteplici e, proprio a causa della natura misteriosa e variegata di questi pianti, in diversi bambini e in diversi momenti possono essere utili accorgimenti di vario tipo. È quindi importante conoscerli e sperimentarli.

La prima cosa da fare è prendere in braccio il neonato, verificare che non abbia motivi fisici di disagio (pannolino sporco, freddo o più frequentemente caldo e così via) e fargli sentire il contatto fisico. Talvolta cambiare ambiente può essere utile (alcuni bambini si calmano con una passeggiata in carrozzina o in auto, anche se dato l’orario in cui si manifestano le coliche queste soluzioni sono spesso impraticabili!), cambiare “braccia”, cantare una canzone, a volte qualche piccola “distrazione” è sufficiente a distogliere il bambino dai propri fastidi. Allo stesso scopo, se il bambino mostra di gradirlo, si può tentare con un bagnetto: l’acqua tiepida aiuta anche a rilassare la muscolatura intestinale.

Si rivela utile cullare il bambino anche in modo piuttosto energico (senza esagerare eh!). Noi la tenevamo a pancia in giù, sul nostro avambraccio e la facevamo oscillare verso l’alto e il basso, con andatura “saltellante” o anche seduti su un letto. Altra posizione che sembra funzionare è quella verticale, stringendoli a sé e dando piccole pacche sul pannolino.

Sempre allo scopo di liberare l’aria dal pancino, si possono tentare dei massaggi con olio (vedi sotto) e, al limite, stimolare l’ano con la punta del termometro (introducendone un pezzettino e ruotandola delicatamente) o, come consigliano alcuni pediatri, introducendo un sondino, che altro non è che un piccolo catetere femminile molto sottile, acquistabile singolarmente in farmacia.

Visto che una percentuale di casi sembra essere dovuta ad intolleranza al latte vaccino, la mamma può provare a ridurre l’assunzione di latte e latticini, sostituendoli magari con prodotti a base di riso e soia. Se il bambino è allattato artificialmente si può provare a sostituire il latte con formule a basso contenuto di lattosio o a base di latte parzialmente digerito.
Eliminare altri tipi di alimenti non ha alcun fondamento, a meno che non si noti una correlazione (del tutto soggettiva ed imprevedibile) fra l’assunzione di determinati alimenti e i pianti del bambino. Se la dieta è sufficientemente varia e non si esagera con nessun tipo di alimento, l’evenienza è, comunque, improbabile e non tale da giustificare pianti così frequenti (almeno 3 giorni a settimana) come quelli definiti “coliche”.

Attaccare il bambino al seno, oltre a risultare rassicurante e tranquillizzante, può aiutarlo a liberarsi dell’aria intestinale, poiché la suzione stimola la peristalsi intestinale (il cosiddetto “riflesso gastrocolico” per cui i neonati spesso fanno la cacca durante la poppata).

Anche l’utilizzo di tisane o altri rimedi a base di finocchio può essere utile. Come tisane, vi consigliamo di non utilizzare i preparati presenti in commercio perché molto zuccherati (gli zuccheri possono essere essi stessi causa di aria addominale, in quanto substrato per la fermentazione da parte della flora batterica), ma di usare tisane e composti non zuccherati, meglio se somministrati con un cucchiaino. Ancor meglio, nel caso di bambini allattati al seno, se ad assumere la tisana è la madre (più che altro per non rischiare di saziare il bambino con liquidi diversi dal latte materno).

Prec1 of 2Succ
Usa i tasti ← → per navigare

Coliche del neonato ultima modifica: 2007-04-02T10:27:01+00:00 da ale

Devi fare il log-in per postare un commento Login

Lascia una risposta

Oppure