La madre zingara che è in me


  la_madre_zingara_che__in_me.jpg

Ode alla bella stagione!

Ode al caldo, al sudore e financo alle zanzare!

Ode ai piedini scalzi
(ode ai piedini neri)

Ode ai sederini al vento,
senza pretese di spannolinamento
e addio eritema da culo incellophanato!

Ode all’acqua che scende a scroscio
alle bacinelle piene di sapone
e mutande a bagno
e manine che pescano le mutande ancora con la sgommata
e che sarà mai, tanto si lava!

Ode al pisolino del pomeriggio
che fa tanto siesta messicana

Ode al ventilatore
…e ode anche al collo incriccato!

Ode alla terrazza la sera
al caffè dopo che i bimbi sono andati a nanna
alla sigaretta galeotta
al venticello 

Ode alla citronella, al geranio, all’Autan
Ode alla protezione solare color verde marziano
Ode alla piscina gonfiabile
Onore alla memoria dei moscerini caduti nel tentativo di rinfrescarsi

Ode a chi si lamenta del caldo
e non vede l’ora che venga l’inverno
e poi si lamenta del freddo
e non vede l’ora che venga l’estate
Ode all’incontentabile

Ode a chi si gode l’estate… come solo i bimbi sanno fare!

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone