Il lento ed abominevole stillicidio quotidiano della poesia e di una generazione.


Mi domando quanto tempo ancora sia necessario affinché ci si renda conto del lento stillicidio della creatività dei nostri ragazzi.

stillicidio poesiaDel subdolo invito ad allontanarsi dall’essenza delle cose, dell’infelice disegno onnipotente di distruzione del pensiero critico. Provo dolore nel constatare quanto silenzioso e potente sia il processo che porta a completa lobotomizzazione creativa di questi piccoli uomini così ricchi di curiosità per ciò che li circonda, con l’innato germe creativo e l’imprinting di un problem solving che noi paghiamo oro con corsi ad hoc.

Mi fa tristezza constatare l’indebolimento graduale dei sensi; essi che hanno occhi ben aperti per osservare e dedurre, cuore per poter leggere la bellezza e mancanza di pregiudizio, per potersi esprimere onestamente nelle relazioni. Quanto tempo ancora? Si è mai considerato l’effetto devastante di tutto ciò? No, di certo, lo abbiamo già quotidianamente sotto gli occhi e dunque per effetto dell’abitudine non ce ne accorgiamo. Siamo parte del gioco. Attori nel medesimo palcoscenico dell’inconsapevolezza.

Ma l’aspetto che più mi preoccupa e logora, a tal punto da somatizzarne l’effetto in sintomi simili all’ulcera perforante, è il precoce allontanamento dalla Poesia. Poesia come puro piacere, come gioia, dolore e le mille sfumature in mezzo. L’allontanamento segue un andamento direttamente proporzionale agli anni che vengono trascorsi sui banchi di scuola e sui tavoli della cucina del pomeriggio, e conduce al totale annichilimento delle facoltà percettive di riconoscimento della bellezza e del suo valore sociale, causa di tutti i mali.

Non me ne vogliate docenti all’ascolto, ma risvegliatevi. Genitori, disincantatevi. Quando per compito viene assegnata una poesia e la scelta ricade su un classico immortale, dalla bellezza senza tempo, come poter pretendere, che essi ne apprezzino l’intensità, la musicalità, il ritmo o l’intimo piacere della prima lettura; come poter pretendere di accendere e mantenere in questi ragazzi il desiderio, se quello che propongo è una scheda con un‘ infinità di domande guidate ai fini di una sterile, razionale, dissennata, asettica analisi del testo. Come se esso fosse solo linguistica, metrica, e tutte le figure retoriche in essa contenute?

Ecco che imbrigliando il piacere in linee guida sterili, versi pret-a-porter da dover continuare tra paletti suggeriti di contenuto e forma, sono pur certo di aver contribuito ad erigere muri alla fantasia, filo spinato alla sensibilità individuale e distanze incommensurabili da quegli stessi versi, per sempre.

Questo è quello che succede obbligando un bambino ad un compito del genere: che questa poesia muore ogni giorno un po’ di più. E con essa un’intera generazione! Amen.


Condividi se ti è piaciuto!
Articolo precedenteConfessioni di un’insegnante di ripetizioni pentita.
Articolo successivoAstigmatismo bimba 4 anni
mm
Sono mamma di tre bambini in età scolare: una splendida dislessica dallo spiccato pensiero divergente, una discalculica alla quale scappano i numeri e un potenziale plusdotato al quale scappa sempre la pipì nei momenti meno opportuni. Ma, ecco, non mi piacciono le etichette e preferisco essere mamma e basta di tre bambini speciali (come lo sono tutti i bambini) e come tale sono soprattutto colf tuttofare, autista, cuoca, infermiera di PPS (primissimo pronto soccorso), psicologa, sociologa, pedagogista, “docente” di filosofia domestica spiccia, sognatrice, eccetera, eccetera. Esattamente come tutte le mamme del mondo. Poi, per divertimento insegno inglese e scrivo. Ma prima ho girato un po’ di multinazionali europee, ma non sono un animale aziendale. Sono nata nella bella città di Genova, un po’ di tempo fa, quanto basta per non dirlo. Vivo vicino a Bassano del Grappa, ma è di Genova e della Liguria che mi porto dentro il blu del mare, il vento sulla faccia e il profumo…della focaccia! La passione per la scrittura nasce con i primi pensierini delle elementari e da allora non ricordo giorno in cui non abbia scritto qualcosa. Scrivo un po’ di tutto: poesia, racconti, fiabe, filastrocche, romanzi, articoli tematici. Ovviamente amo leggere di tutto e soprattutto leggere ad alta voce. Mi diverte tantissimo! Leggo presso scuole, biblioteche, associazioni. Con grande soddisfazione, a volte, leggo anche i miei libri. Sono finalista in diversi premi letterari con pubblicazione di alcuni miei racconti e poesie, tra cui le antologie edite da Historica edizioni e da Giovane Holden. Ho pubblicato il romanzo breve "Memorie e riscatto di un pigro viaggiatore", il saggio “Quando la comunicazione va a ramengo. La comunicazione interrotta” e alcuni libri illustrati per bambini e ragazzi. Tutte storie di bambini in un mondo, ahimè, a misura di adulto: “Il bambino che non voleva parlare”, “Il Chupacarta, ladro di compiti”, “Nel paese di Pitagòria”. Ma c’è sempre qualcosa “in forno”. Da qualche anno studio anche il meraviglioso mondo divergente dei DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento: dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia) o come li chiamo io: Diverse Strategie di Apprendimento. Da qui nascono anche molte delle mie storie. Ora qualcosa di nuovo bolle in pentola… La mia formazione accademica: MA Applied Linguistics (University of Reading, UK) Laurea in Lingue e Letterature Straniere Moderne (Università di Genova) Master Professional per HR Master Outdoor Management Training Master “I disturbi specifici di apprendimento, una didattica per tutta la classe” (AID-USR Veneto) Workshop “Io studio con le mappe” (Canalescuola, Parma) “Musica e dislessia” (Conservatorio di Castelfranco Veneto)

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.