Le malattie infettive in età pediatrica

0
776

Rosolia: è una malattia virale dovuta ad un rubivirus, anch’essa molto più rara di un tempo grazie all’avvento della vaccinazione di massa. Dopo una incubazione di 2-3 settimane esordisce con malessere generale di modesta entità, dolori vaghi e diffusi simili a quelli influenzali, lieve mal di gola nonostante il notevole arrossamento del faringe, congiuntivite, febbricola e soprattutto un evidente ingrossamento dei linfonodi nucali e anche laterocervicali che possono essere dolenti al tatto. Dopo pochi giorni dall’inizio dei primi sintomi compare una eruzione cutanea simile ma meno intensa di quella del morbillo composta da piccole macchie rosa molto vicine le une alle altre, leggermente rilevate tanto da rendere la pelle appena  ruvida al tatto.

m_1407860340

L’esantema è preceduto da macchioline simili sul palato (enantema), si diffonde sul viso ma soprattutto sul tronco e sugli arti cominciando dall’alto, dietro le orecchie, e dura circa 3-4 giorni mentre la febbre diminuisce fino a scomparire in seconda giornata di eruzione. Il soggetto affetto da rosolia è contagioso da una settimana prima dell’esantema fino a 4-5 giorni dopo, cioè spesso anche  quando l’esantema è già scomparso. Anche per la rosolia è ormai diffusa la vaccinazione di massa nell’ottica di azzerare il rischio di contrarla per le donne gravide visto che la malattia è quasi esclusivamente rischiosa per le gravi malformazioni fetali che può indurre se contratta nei primi mesi di gravidanza piuttosto che per i rischi della malattia in se stessa. I rischi della malattia, infatti, sono rarissimi e la complicazione che preoccupa di più è l’encefalite, come per il morbillo. La malattia, comunque, è pericolosa anche perché negli adulti decorre spesso in forma asintomatica cosicché non è possibile prendere precauzioni riguardanti il contagio.

I rischi per la donna gravida sono: nelle primissime settimane di gestazione, aborto spontaneo o morte intrauterina del feto; al termine del periodo embrionario, difetti di vista importanti fino alla completa cecità, sordità, malformazioni cardiache e ritardo mentale del feto. Superata la 12° settimana di gestazione e fino alla 28° settimana la placenta diventa più selettiva e protettiva e il rischio di rosolia congenita si riduce. Un contagio verso fine gravidanza però rende altissimo il rischio di rosolia congenita con feto che manifesta la malattia alla nascita in forma violenta ma soprattutto estremamente contagiosa per moltissimo tempo. Si calcola che un neonato con rosolia congenita diffonda alte cariche virali per mesi, addirittura per un anno e per di più molto virulente e contagiose. Questi i motivi dell’attentissimo monitoraggio della malattia attuato prima e durante la gravidanza e dell’obbligo di vaccinare anche i maschi per i quali la malattia non pone preoccupazione alcuna.

Le malattie infettive in età pediatrica
5 (100%) 8 votes