Come coinvolgere i tuoi figli nello smaltimento dei giocattoli

146
come eliminare i giocattoli di troppo
Toy Story

Conosco un sacco di genitori che fa sparire i giocattoli dei loro bambini durante la notte, o mentre i bambini sono a scuola o fuori di casa.

E lo capisco. In molti casi, va benissimo così, e i bambini non si accorgono nemmeno che quei giocattoli con cui non giocano da tempo, sono spariti.

Questo però non funziona con me ed i miei figli.

I miei figli – il mio figlio primogenito in particolare – notano tutto. E la loro memoria è incredibile. Un esempio:

Quando mio figlio aveva solo due anni, siamo tornati a casa da un viaggio e non avevamo nulla da mangiare in casa. Poiché ero esausta (avevo guidato per sette ore), ho deciso di uscire e prendere un po’ di pizza. Ma dato che era domenica sera, la nostra pizzeria preferita era chiusa così siamo dovuti andare un po’ più lontano e abbiamo alla fine optato per una rosticceria. Mentre stavamo aspettando il nostro pollo con patatine, ho dato a mio figlio una moneta da 1 € per comprare una pallinna rimbalzante, e ci abbiamo giocato per quindici minuti.

Quattro anni dopo, per la prima volta da allora, ci siamo imbattuti di nuovo in quella rosticceria. Mio figlio, che ora ha 6 anni, guarda fuori dal finestrino e dice: “Oh! Ricordo quel posto! Abbiamo mangiato pollo e patatine e ho comprato una pallina rimbalzante blu che sembrava un pianeta. Devo tirarla fuori dalla scarpa della bambola che sta in fondo alla scatola dei giocattoli quando torniamo a casa.”

Sapete dov’era quella pallina? In una scarpa da bambola in fondo alla scatola dei giocattoli. Se non fosse stata lì, mio ​​figlio ci sarebbe rimasto malissimo.

L’unica occasione in cui ho cercato di ridimensionare la quantità di giocattoli che abbiamo in casa di nascosto durante la notte è stato un disastro totale. La settimana seguente, mio ​​figlio venne e mi chiese di ogni singolo giocattolo che avevo rimosso. Addirittura: “Hai visto il piccolo braccio viola che è venuto fuori da quel giocattolo che avevamo? Ne ho bisogno per andare nella caverna del mio drago.”

Quindi, dal momento che il ridimensionamento subdolo semplicemente non è un’opzione, ho dovuto trovare una soluzione diversa.

Due volte all’anno, di solito a maggio (dopo che entrambi i ragazzi hanno festeggiato i loro compleanni) e novembre (prima di Natale), lavoriamo tutti insieme per capire quali giocattoli i ragazzi vogliono mantenere e quali no.

Questo è un evento che dura tutto il giorno, completo di pizza a pranzo, la loro musica preferita in sottofondo, a volte anche una bibita deliziosa come la coca cola, che è qualcosa che di solito non gli compro.

Lo segniamo sul calendario in anticipo e tutti sanno quando sta arrivando.

All’inizio della giornata, tutti i giocattoli vengono spacchettati e svuotati dalle scatole dei giocattoli e ammucchiati sul pavimento (spesso in un’altra stanza). Poi li elaboriamo lentamente, con entrambi i ragazzi che hanno il potere di veto sull’altro.

Creiamo tre gruppi di giocattoli:

  1. Giocattoli da tenere: I giocattoli con i quali giocano ancora regolarmente o che hanno un valore sentimentale tale per cui non è possibile sbarazzarsene. A volte, nel caso di quest’ultimo motivo, ci fermiamo a parlare se il giocattolo può essere convertito in qualche modo così da poter essere apprezzato senza riempire la scatola dei giocattoli.
  2. Giocattoli da regalare: Prima ancora di iniziare, decidiamo a chi stiamo regalando questi giocattoli di riserva. Di questi tempi, generalmente vanno a mia sorella, perché tutti e tre i suoi figli sono più piccoli dei miei. Sapere che i giocattoli renderanno felici altri bambini – e tra l’altro dar loro la possibilità di vederli ancora – fa un’enorme differenza rispetto al pensare che finiranno nella spazzatura.
  3. Giocattoli da buttare: Questi sono giocattoli rotti, pezzi di plastica e “pezzi” casuali di Kinder Sorpresa e simili. In altre parole, sono gli scarti che nessun altro vorrà.

“Ma aspetta!” Vi sento dire. “Se lo facessi con i miei figli, vorrebbero tenere tutti i giocattoli!”

Obiezione accolta vostro onore. Ma ecco cosa ho imparato:

  • Attraverso questo processo, i miei figli hanno il controllo di ciò che conservano e di ciò che lasciano andare. Inoltre, sanno che è un evento che capita due volte all’anno. Spesso li vedo discutere tra loro sul perchè tenere un giocattolo particolare (perché la decisione deve essere unanime) e l’uno o l’altro magari acconsentono a mantenerlo “fino alla prossima volta”. Quando arriverà la prossima volta, supponendo che non abbiano trovato un nuovo meraviglioso modo di giocarci, lo mettono felicemente nella scatola dei Giocattoli da Regalare.
  • Lo ripeto: i miei figli hanno il controllo di ciò che conservano e di ciò che regalano. Prendono le decisioni. Semplicemente facilito il processo decisionale. Ma prima di iniziare ci sono già dei limiti imposti a questo processo.

All’inizio della giornata, una volta accatastati tutti i giocattoli nel centro della stanza, dispongo anche le scatole dei giocattoli e spiego i limiti, cioè possono tenere tutti i giocattoli che vogliono …. a condizione che si adattino perfettamente alle scatole dei giocattoli e agli scaffali. Non ci può essere surplus; nessuno schiacciamento; nessun extra; non si possono mettere giocattoli in posti diversi.

Ciò significa che, all’inizio della giornata, i miei figli tendono a voler tenere tutto. Le scatole dei giochi iniziano a riempirsi molto velocemente. A metà giornata, sono molto più attenti riguardo alle loro scelte. A metà pomeriggio, quando le scatole dei giocattoli sono piene, ma hanno ancora giocattoli da sistemare, le scatole dei giocattoli vengono spesso ri-svuotate e vengono fatte scelte più ragionate.

E questo è il motivo per cui è un evento che dura tutto il giorno.

  1. Dai ai tuoi figli un senso di controllo pre-programmando quando si verificherà l’eliminazione del giocattolo.
  2. Dai ai tuoi figli dei confini chiari, esponendo esplicitamente come si verificherà la raccolta del giocattolo.
  3. Facilita il processo decisionale, consentendo ai tuoi figli di mantenere il controllo su quali giocattoli sono tenuti.
  4. Prenditi il ​​tuo tempo e rendilo divertente. È molto più efficace se l’esperienza sembra un festival o una pietra miliare della crescita, piuttosto che se si avverta come una punizione.
Come coinvolgere i tuoi figli nello smaltimento dei giocattoli
5 (100%) 1 vote

Consigliati da noi

Bieco 04000510 - Cassapanca/cesta per giocattoli, 55 x 26,5 x 31,5 cm, a forma di camioncino dei gelati

30,46
1 new from 30,46€
Free shipping
as of 22 maggio 2018 13:46

Features

  • Cesta per giocattoli
  • Motivo: camioncino dei gelati
  • Dimensioni: circa 55 x 26,5 x 31,5 cm
  • Capiente scomparto principale e scomparto più piccolo sul davanti
  • Utilizzabile anche come cassapanca

Fun House 712874 bagagliaio a giocattoli per bambini, pieghevole, PP/cartone/Armatura/Plastica, Blu, 56,5 x 36 x 31 cm

18,44
5 new from 12,00€
Free shipping
as of 22 maggio 2018 13:46

Features

  • Questo forziere per giocattoli pieghevole è ideale per che il bambino possa sistemare i suoi giocattoli tutto unico come un grande.
  • Il vostro bambino sarà lieto di ritrovare i suoi eroi della serie animata pyjamasques.
  • Dimensione: H.31 x L.56, 5 x P.36 cm
  • Pieghevole a piatto alle dimensioni del coperchio sia 56 x 36 cm
  • Facile da montare e da piegare.