Autismo infantile: cos’è, quali sono le cause e come riconoscerlo


L’autismo è un disturbo neurologico complesso che causa diverse deviazioni nei tratti comportamentali di un bambino. Mentre persiste per tutta la vita, il disturbo può essere rilevato durante l’infanzia.

Quali sono i segni rivelatori dell’autismo nei bambini? Cosa puoi fare quando tuo figlio viene diagnosticato con autismo? In questo articolo, MomJunction ti parla dell’autismo, delle sue cause, dei segni e dei fattori che aumentano il rischio di autismo.

Autismo bambini

Cos’è l’autismo?

Il disturbo dello spettro autistico, o autismo come è noto, è una disabilità neurologica che colpisce principalmente le capacità comunicative, le abilità sociali e il comportamento generale di un individuo. La condizione è indicata come disturbo dello spettro poiché i sintomi possono variare da lievi a gravi.

L’incapacità di una persona di socializzare e comunicare spesso influisce sulla vita di tutti i giorni.

Quanto è comune l’autismo tra i bambini?

Secondo il Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti (CDC), la prevalenza media di autismo infantile in Asia, Europa e Nord America insieme è dell’1-2%, vale a dire da uno a due neonati in 100 (3).

L’autismo è quasi cinque volte più probabile che si verifichi nei ragazzi rispetto alle ragazze. La condizione può colpire i bambini di qualsiasi etnia, nazionalità e gruppi socioeconomici.

Che cosa causa l’autismo?

Le cause dell’autismo non sono note; potrebbero essere una combinazione di fattori o uno solo e variare da persona a persona (4). Tuttavia, diversi decenni di ricerca indicano i seguenti motivi:

  • Anomalie genetiche: più di 100 geni su vari cromosomi possono causare ASD da una singola mutazione. Le persone con autismo hanno diverse mutazioni e una combinazione di alcune mutazioni specifiche può anche portare all’autismo.
  • Fattori ambientali: alcune persone con mutazioni autistiche genetiche potrebbero non mostrare / sviluppare l’autismo. Tuttavia, interazioni di mutazioni genetiche con specifici fattori ambientali come infezioni o sostanze chimiche possono portare alla fine all’autismo. Detto questo, quelli con geni di autismo potrebbero non sviluppare l’autismo anche dopo l’esposizione a condizioni ambientali dannose, a causa della loro imprevedibilità.
  • Cause sporadiche: l’autismo può anche svilupparsi spontaneamente se il bambino ha disturbi neurologici, una crescita eccessiva del tessuto cerebrale, un metabolismo difettoso e malattie autoimmuni. A volte, l’autismo può coesistere con altri disturbi come la sindrome di Down e la sindrome di X fragile.
  • I geni difettosi sono spesso citati come la ragione principale per lo sviluppo dell’autismo tra i bambini.

La vaccinazione provoca l’autismo nei bambini?

Assolutamente no. Le vaccinazioni o la mancanza di esse non possono rendere un bambino suscettibile all’autismo. In realtà, la vaccinazione non ha nulla a che fare con l’autismo, che è interamente influenzato da altri fattori.

Quali fattori prenatali aumentano il rischio di autismo?

Ci sono oltre 50 fattori prenatali che influenzano la suscettibilità all’autismo. I seguenti sono i più notevoli (6):

  • Diabete gestazionale
  • Sanguinamento in gravidanza
  • Infezioni uterine durante la gravidanza
  • Effetti collaterali di farmaci durante la gravidanza
  • Elevata maternità al parto
  • Il bambino è il primo nato

I suddetti fattori non implicano l’autismo alla nascita, ma semplicemente aumentano il rischio della condizione. La presenza di una o più delle suddette condizioni non porta necessariamente all’autismo.

Quali sono i segni dell’autismo nei bambini?

I segni dell’autismo sono progressivi e variano in base all’età del bambino. I primi segni di autismo possono presentarsi anche prima che il bambino abbia un anno. Ecco i segni dell’autismo nei bambini.

Dalla nascita ai 12 mesi

  • Non fa rumore o chiacchiera.
  • Non tenta di imitare o rispondere vocalmente a qualcuno che cerca di parlare con il bambino.
  • Non fa gesti come agitare e puntare il dito.
  • Non mostra alcun interesse nell’afferrare nuovi oggetti.
  • Evita il contatto visivo e può diventare agitato se qualcuno guarda dritto negli occhi.
  • Dondola ripetutamente e allunga le mani goffamente.
  • Non risponde al nome, non importa quante volte lo chiami.
  • Gioca con i giocattoli in modo insolito come spostare sempre una macchinina in avanti e indietro e non fa nulla oltre questo.
  • Mostra sempre ansia eccessiva e scoppi d’ira emotivi quando gli vengono offerti nuovi alimenti.
  • Genera scatti d’ira quando qualcosa è cambiato. Ad esempio, quando sposti i loro giocattoli in un nuovo posto.
  • Rimane agitato per durate insolitamente estese.
  • Reazioni estreme; o troppo eccitato o semplicemente disinteressato.
  • Alcuni di questi segni possono persino persistere attraverso l’infanzia.

Tra i 12-24 mesi

  • Esegue azioni ripetute, come girare una sedia girevole in una direzione, per minuti insieme.
  • Scuote continuamente la testa all’indietro verso lo schienale della sedia.
  • Perde le abilità linguistiche, se ce ne sono state.
  • Sibila, strilla o mormora ripetutamente.
  • Mostra scarso interesse nell’interazione con i compagni e nella creazione di amici.
  • Ripete continuamente una parola ascoltata, senza capirne il significato.
  • Non mostra alcun interesse o entusiasmo nell’esplorare qualcosa di nuovo.
  • Può piangere e comportarsi pignolo in un ambiente rumoroso o quando incontra luci intense.
  • Inverte i pronomi mentre parla: potrebbe dire “tu” invece di “io.”
  • Fornisce risposte casuali, non correlate alle domande.
  • Gioca sempre con una parte di un giocattolo piuttosto che con un giocattolo completo. Tende a girare la ruota di una macchinina invece di spostare l’intera macchina davanti.
  • Allinea gli oggetti in linea retta o li accumula.
  • Mostra un comportamento compulsivo come trasferire l’acqua da una bottiglia alla tazza e viceversa.
  • Diventa attaccato a oggetti insoliti. Come prendere un mazzo di chiavi e aggrapparsi ad esso per il resto della giornata, o addirittura addormentarsi con esso in mano.
  • Cammina ed esegue azioni insolite, come camminare su e giù per un pendio ripetutamente.
  • Non gioca.
  • Non mostra empatia emotiva.

24-36 mesi

  • Non parla con frasi di due parole e parole semplici come gli altri bambini.
  • Non inizia la conversazione. Inoltre, potrebbe non mostrare interesse nel sostenere una conversazione in corso.
  • Si inclina e si gira per guardare gli oggetti in modo insolito.
  • Non mostra alcun riguardo per l’auto-sicurezza. Ad esempio, il bambino cammina fino al bordo di un tetto per vedere cosa c’è sotto e non aver paura di cadere.
  • Ha poca attenzione e non presta attenzione a qualcuno che parla, anche se quella persona è l’unica persona intorno.
  • Non risponderà al nome ma si rivolgerà istantaneamente ad altri suoni come il campanello o un anello del telefono.
  • Spesso cammina insolitamente, come in punta di piedi o in qualche altro modo imbarazzante.
  • Eviterà o resisterà aggressivamente al contatto fisico.
  • Non mostra eccitazione o gioia nell’esperienza di andare in un parco o mangiare un gelato, che altrimenti ecciterebbe un bambino piccolo.
  • Può diventare scontroso ma è difficile da placare.
  • Attacca ogni giorno a una routine. Per esempio, se la mattina la prima cosa che fa è mangiare biscotti col latte, allora vorrebbe fare lo stesso ogni giorno e non sarà aperto nemmeno al minimo dei cambiamenti nella routine.
  • È probabile che un bambino venga diagnosticato in precedenza se sottoposto a screening periodico per l’autismo.

Come viene diagnosticato l’autismo nei bambini?

Le seguenti procedure di screening sono utilizzate per rilevare l’autismo nei bambini:

  • Osservare l’anamnesi familiare: se qualcuno nella tua famiglia ha avuto autismo, il bambino ha il rischio di sviluppare la condizione. Quindi il pediatra ti farà delle domande per sapere se altri membri della famiglia hanno l’autismo. Se il fratello del bambino ha l’autismo, allora le probabilità che lui sia autistico sono circa il 18%. Se il gemello identico del bambino viene diagnosticato con autismo, allora le probabilità aumentano al 95%.
  • Tratti osservati: il medico verificherà le caratteristiche comportamentali inusuali che indicano l’autismo nel bambino.
  • Questionario di screening: ai genitori viene consegnato un questionario per test di autismo. Contiene 23 domande che coprono tutti gli aspetti dell’autismo come il ritardo del linguaggio, i problemi comportamentali e un cambiamento generale nel linguaggio del corpo.

Gli esperti affermano che lo screening dell’autismo non garantisce il rilevamento. Il comportamento di un bambino e un bambino cambia nel tempo e un bambino con diagnosi di autismo durante l’infanzia potrebbe alla fine rivelarsi normale. In altre parole, questo test non è infallibile.

Non farti prendere dal panico se il bambino viene diagnosticato con autismo e non esitare a fare più domande se è dichiarato normale ma mostra ancora tratti inusuali. Si tratta di un quadro patologico complesso e di difficile definizione… per avere le idee più chiare prova a leggere questi approfondimenti sull’autismo ad opera di una piscoterapeuta pediatrica.

Come viene trattato l’autismo nei bambini?

Non esiste una cura per l’autismo. I ricercatori stanno cercando di trovare una soluzione per cercare di affrontare il problema nelle fasi iniziali. L’autismo tra neonati e bambini piccoli può essere gestito con passaggi sistematici che aiutano genitori e bambini a gestire meglio la condizione.

Come gestire l’autismo nei bambini?

L’autismo nei bambini può essere gestito bene quando i genitori, i medici e gli operatori specializzati svolgono i loro ruoli designati come dovrebbero. L’autismo può essere gestito attraverso:

  • Educazione dei genitori: per aiutare il bambino, i genitori dovrebbero capire cos’è l’autismo e cosa possono fare per prendersi cura del proprio bambino meglio. I genitori possono chiedere aiuto e guida ai gruppi di sostegno e alle organizzazioni che forniscono le risorse necessarie.
  • Terapie di miglioramento: a seconda dell’età del bambino e dell’estensione della condizione, un pediatra può raccomandare una terapia adatta al bambino. L’analisi del comportamento applicato o l’ABA è una terapia comportamentale popolare che mira a rafforzare gradualmente i tratti comportamentali e sociali desiderabili in una persona autistica..
  • Parlata, lingua e primi interventi educativi: i neonati e i bambini con autismo possono avere difficoltà nell’apprendimento e questo potrebbe interferire con le loro possibilità di avere un’educazione normale. Un bambino può sottoporsi a terapia per abilità linguistiche fondamentali.
  • Precauzioni generali: i bambini con autismo hanno poca considerazione per la loro sicurezza e possono indulgere in comportamenti che potrebbero mettere a rischio la loro vita. Garantire la casa e l’ambiente è il modo migliore per prevenire incidenti. Semplici passaggi includono la chiusura delle porte, la chiusura delle prese elettriche e la sorveglianza del bambino durante l’esterno. L’uso di dispositivi GPS e tag di identificazione può anche essere utile nel caso in cui il bambino tenda ad allontanarsi.
  • A volte il medico può prescrivere farmaci per l’autismo. Questi farmaci non trattano la condizione ma sopprimono i sintomi dei disturbi collaterali come il disturbo ossessivo-compulsivo e la depressione.

Tuttavia, neonati e bambini piccoli vengono raramente somministrati farmaci. La terapia raccomandata dal medico è il modo migliore per aiutare un bambino con autismo.

I bambini con autismo possono avere una vita normale?

Sì. Secondo il Center for Disease Control degli Stati Uniti, circa il 44% delle persone con autismo ha una capacità intellettuale media, e anche superiore alla media. L’AAP osserva che i bambini con autismo sono bravi a ricordare numeri e musica. Questi fatti dimostrano che l’autismo non ha bisogno di limitare le capacità di un bambino e la possibilità di fare bene nella vita. L’intervento tempestivo attraverso la terapia e l’allenamento aiuta a minimizzare i limiti. A lungo termine, gli adulti con autismo potrebbero vivere una vita normale con poche limitazioni dal disturbo.

La diagnosi di autismo nel tuo bambino potrebbe essere uno shock per te. Non ci può essere una soluzione definitiva all’autismo, ma la condizione può essere gestita. Ricorda che l’autismo è una disabilità, ma non una malattia. Le disabilità possono essere superate con gli strumenti e gli interventi giusti, consentendo all’individuo di rimanere alla pari con i propri pari.


Condividi se ti è piaciuto!

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.