19 trucchi per dire addio ai pannolini in 72 ore.


Spannolinare il proprio bambino non è certamente una delle cose più semplici da fare, ma elenchiamo una serie di ben 19 trucchi per riuscirci in soli 3 giorni. Bisogna anche tener presente che questo sarà d’aiuto ai genitori, non solo da un punto di vista economico, ma anche pratico, di tempo, in quanto il bambino sarà autonomo per i bisogni, inoltre si eviteranno tutte quelle piccole problematiche che vi si presentano con l’uso dei pannolini, come ad esempio la dermatite da pannolino, l’eritema causato dallo sfregamento del pannolino sulla pelle del bambino e infezioni varie.

Primi consigli per iniziare

1) Prima di passare all’azione, bisogna essere sicuri che sia il momento giusto, se il bambino è troppo piccolo, oppure non riesce dopo svariati tentativi, è inutile insistere, è giusto dare il tempo necessario.

Assicurati che il tuo bambino è pronto
2) L’essenziale per riuscire a portare al termine, in soli 3 giorni, l’azione di spannolinare il tuo bambino, richiede una cosa essenziale: la pazienza. Anche se il tempo è poco, la pazienza deve essere tanta, senza questa, non si giungerà da nessuna parte.

weekend lungo

3) La strategia da utilizzare per evitare inconvenienti di notte, in quanto non si abitua subito, soprattutto quando il bambino è incosciente, perché dorme, è quella di lasciarlo senza pannolino durante le ore diurne e metterlo durante la notte.

Via tutti i pannolini

4) Far fare al bambino una pausa vasetto ogni ora, in modo da evitare che si sporchi. Questa è la prima abitudine che deve prendere.

pausa vasino

5) Quando il bambino è sul vasino e si attendono i bisogni, non bisogna avere alcuna fretta. Questo è importante perché il bambino deve abituarsi e poi a meno che non gli scappi, non farà mai subito i bisogni, perché ci vuole il tempo necessario per rilassarsi.

6) Questo però non sempre, in quanto il bambino potrebbe prenderla come gioco. Di conseguenza quando si percepisce che non è il momento giusto per i bisogni, non prolungarsi per più di cinque minuti. Far alzare il bambino dal vasino.

Consigli pratici

7) Per spannolinare il proprio bambino non c’è bisogno di applicazioni utilizzate al gabinetto, vasini con vari sostegni, ma è necessario solo un semplice vasino, che sia proporzionato alla fisicità del bambino. Solo così il bambino si sentirà a suo agio.

8) Ci sono mutandine con i personaggi dei cartoni animati come queste di Topolino in vendita su www.robedacartoon.it. Indossare slip con il suo personaggio preferitò renderà lo spannolimento più facile.

set-3-slip-bimbo-topolino-sliptop01

9) Far vedere come fare al bambino, che poi imiterà i vostri gesti, sarà d’aiuto per capire.

10) Il luogo ideale deve essere il bagno, inutile portare il vasino in giro per casa, il bambino deve essere abituato fin dall’inizio all’uso del bagno e alla distinzione tra una camera e l’altra.

11) Per poter facilitare la voglia di andare a fare i bisogni in bagno, nel vasino, si possono organizzare alcuni giochi o libri illustrati, lì dove viene messo il vasino. Questo servirà da ulteriore stimolo.

12) Bisogna sempre tener conto della differenza di tempo richiesta tra il fare l’uno e l’altra. Dare più tempo quando è ora della popò. Aiutare il bambino a posizionarsi sul vasino, in modo che stia comodo.

13) Lodare sempre il bambino dopo aver fatto i bisogni nel vasino.

14) Vestire il bambino comodamente, in modo che si spogli subito per fare i bisogni.

vestire comodamente

15) Non rimproverarlo nel caso dovesse sporcarsi.

Affrontare la notte

16) La notte, soprattutto all’inizio, la si affronta con i pannolini, quando ci si abitua, far prendere l’abitudine di fare la pipì prima di andare a letto.

17) E’ buona abitudine non far bere molti liquidi di sera.

18) Mai svegliare il bambino per fargli fare i bisogni di notte, prendere altre precauzioni, come proteggi materasso e simili.

19) Abituare il bambino ad andare a fare la pipì appena svegli.

Buona fortuna!

 


Condividi se ti è piaciuto!

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.