Tumore cervello bambini, allo studio una nuova terapia


ricercatori al lavoro tumore cervello bambiniPotrebbero esserci novità nella cura del medulloblastoma, il più frequente cancro cerebrale nei bambini per il quale, benché ci sia un’accettabile percentuale di sopravvivenza, la nocività dei trattamenti attualmente impiegati, e dettagliatamente la radioterapia, lascia nei pazienti danni seri, tra cui problemi cognitivi permanenti e tumori secondari. Un team di ricercatori dell’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibcn-Cnr) di Roma, ha difatti dimostrato in vivo che successivamente alla terapia con la proteina Cxcl3, anche se il cancro ha già incominciato a progredire, il medulloblastoma non si forma più o scompare totalmente. Lo studio è stato pubblicato su Frontiers in Pharmacology.

“Già nel 2012 avevamo identificato Cxcl3 come probabile target terapeutico, dimostrando che la privazione di questa proteina si lega a un cospicuo accrescimento della frequenza del medulloblastoma“, spiega Felice Tirone dell’Ibcn-Cnr, che ha condotto lo studio in collaborazione con Manuela Ceccarelli e Laura Micheli. “Utilizzando questa indicazione, abbiamo dimostrato dunque che se un campione di topi che sviluppa medulloblastoma con alta frequenza viene trattato per un mese con Cxcl3 nel cervelletto, sino all’età di due mesi, ovvero quando il cancro ha già cominciato a progredire,il medulloblastoma non si forma più o scompare integralmente“.

Si sta ora studiando l’applicabilità nell’uomo di questa terapia, brevettata dal Cnr, giacché nonostante ls Cxcl3 paia essere sprovvista di effetti nocivi, resta da appurare “per esempio se l’attività curativa permane anche in tumori in fase avanzata” come evidenzia ancora Tirone. “Un’applicazione fattibile – conclude – sarebbe nella sindrome di Gorlin, dove il medulloblastoma è trasmesso geneticamente, ed ha una frequenza di 1 caso ogni 50.000 persone”.


Condividi se ti è piaciuto!

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.