Autismo: quali sintomi e come affrontarlo


L’autismo non è un singolo disturbo, ma uno spettro di disturbi correlati con un nucleo comune di sintomi. Ogni individuo con spettro autistico ha problemi di diversa entità con l’interazione sociale, l’empatia, la comunicazione e il comportamento flessibile. Ma il livello di disabilità e la combinazione di sintomi varia tremendamente da persona a persona. In effetti, due bambini con la stessa diagnosi possono sembrare molto diversi quando si tratta dei loro comportamenti e delle loro abilità.

La diagnosi di autismo: i sintomi

La diagnosi di autismo è effettuata esclusivamente su criteri comportamentali, poiché non esistono esami strumentali o di laboratorio che possono accertare la presenza o meno di un disturbo dello spettro autistico.
L’autismo si manifesta nei primi anni di vita del bambino, a volte le prime avvisaglie si hanno intorno ai 18 mesi, ed in altri casi anche dopo i 24 mesi.
Dopo un normale sviluppo i bambini sembrano regredire, i primi segnali sono:

  • ritardo dello sviluppo linguistico
  • scarse o nulle interazioni sociali
  • presenza di comportamenti ripetitivi e stereotipati.

Le problematiche di un bambino autistico

Anche se non fanno parte dei criteri diagnostici ufficiali dell’autismo, i bambini con disturbi dello spettro autistico spesso soffrono anche di uno o più dei seguenti problemi:

  • Problemi sensoriali – Molti bambini con disturbi dello spettro autistico o sono sotto sforzo o reagiscono in modo esagerato agli stimoli sensoriali. A volte possono ignorare le persone che parlano loro, fino al punto di apparire sordi. Tuttavia, altre volte possono essere disturbati anche dai suoni più soft. Rumori improvvisi possono infastidire e a questi eventi i bambini possono rispondere coprendo le orecchie per attutire il suono. Inoltre i bambini  autistici tendono ad essere molto sensibili al tatto e alla consistenza.
  • Difficoltà emotive – I bambini con disturbi dello spettro autistico possono avere difficoltà a regolare le loro emozioni o ad esprimerle in modo appropriato. Ad esempio, il bambino potrebbe iniziare a urlare, piangere o ridere istericamente senza una ragione apparente. Quando stressato può mostrare comportamenti dirompenti o addirittura aggressivi (rompere le cose, colpire gli altri o danneggiare se stesso).
  • Abilità cognitive irregolari – Il disturbo dello spettro autistico si verifica a tutti i livelli di intelligenza. Tuttavia, anche i bambini con intelligenza normale o elevata spesso hanno abilità cognitive sviluppate in modo non uniforme. Le abilità verbali tendono ad essere più deboli delle abilità non verbali. Inoltre, i bambini con disturbo dello spettro autistico generalmente svolgono bene compiti che implicano memoria immediata o abilità visive, mentre le attività che comportano il pensiero simbolico o astratto sono più difficili.

Bambino autistico: le indagini dei medici

sintomi autismoAl fine di determinare se il bambino ha un disturbo dello spettro autistico o un’altra condizione di sviluppo, i medici esaminano attentamente il modo in cui il bambino interagisce con gli altri, comunica e si comporta.

La diagnosi si basa sui modelli di comportamento indicati.
Se sei preoccupato che il tuo bambino abbia disturbi dello spettro autistico e che lo screening evolutivo confermi il rischio, chiedi al tuo medico di famiglia o al pediatra di indirizzarti immediatamente verso uno specialista dell’autismo o verso un gruppo di specialisti per una valutazione completa. La diagnosi del disturbo dello spettro autistico è complicata, perciò è essenziale incontrare esperti professionisti e con esperienza specifica in questo settore.

Il team di specialisti coinvolti nella diagnosi di tuo figlio può includere:

  • Psicologi infantili
  • Psichiatri infantili
  • Pediatri dello sviluppo
  • Neurologi pediatrici
  • Fisioterapisti

La diagnosi del disturbo dello spettro autistico non è un processo breve. Non esiste un singolo test medico che possa diagnosticare in modo definitivo; invece, al fine di individuare con precisione il problema del bambino, possono essere necessarie più valutazioni e test.

Come affrontare l’autismo

Oltre ad una diagnosi precoce ecco altri suggerimenti per rendere la vita domestica più facile per te ed il tuo bambino autistico.

  • Crea un programma quotidiano. I bambini autistici tendono a fare meglio quando hanno un programma o una routine altamente strutturata.
    Organizza un programma per il tuo bambino, con orari regolari per i pasti, la terapia, la scuola e l’ora di andare a letto. Cerca di limitare al minimo le interruzioni di questa routine. Se c’è un cambiamento di programma inevitabile, prepara il bambino a questo stravolgimento.
  • Il rinforzo positivo: loda il tuo bambino quando agisce in modo appropriato o apprende una nuova abilità. Cerca anche altri modi per ricompensare per un buon comportamento.
  • Crea una zona di sicurezza domestica. Ritaglia uno spazio privato nella tua casa dove il tuo bambino possa rilassarsi, sentirsi sicuro ed essere al sicuro. Ciò comporterà l’organizzazione e l’impostazione dei limiti in modo che il bambino possa capire. I segnali visivi possono essere utili (aree contrassegnate con nastro colorato che non sono consentite, che etichettano gli oggetti in casa con le immagini). Potrebbe anche essere necessario mettere in sicurezza la casa, in particolare se il bambino è incline agli scoppi d’ira o ad altri comportamenti autolesionistici.
  • Trova modi non verbali per connettersi. Connettersi con un bambino autistico può essere impegnativo, ma non è necessario parlare per comunicare. Comunica dal modo in cui guardi tuo figlio, dal tono della tua voce, dal tuo linguaggio del corpo – e possibilmente dal modo in cui tocchi tuo figlio. Anche tuo figlio comunica con te, anche se non parla mai. Hai solo bisogno di imparare la lingua.
  • Cerca segnali non verbali. Se sei attento e consapevole, puoi imparare a cogliere i segnali non verbali che i bambini autistici usano per comunicare. Presta attenzione al tipo di suoni che emettono, alle loro espressioni facciali e ai gesti che usano quando sono stanchi, affamati o vogliono qualcosa.

Bambini autistici: la cura

Non c’è una cura specifica per l’autismo perché non è possibile guarire, ma ci sono dei modi per aiutare comunque lo sviluppo del bambino e attenuare i sintomi.
Ad esempio lo sport può essere di grande aiuto, insieme alla musicoterapia e alla pet therapy, va detto però che ogni bambino autistico ha le sue esigenze specifiche e le sue particolari problematiche, quindi qualsivoglia attività va testata per assicurarne l’efficacia e i benefici.

Autismo: quali sintomi e come affrontarlo
Lascia il tuo voto!


Condividi se ti è piaciuto!

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.