La nutrizione nel prematuro


Cara dottoressa,
mia figlia Anna ha 22 mesi, pesa 7 kg ed è alta 74 cm. È vistosamente piùpiccola dei suoi coetanei! In parte ciò è da addebitarsi alla sua nascita: 26settimane di gestazione per 484 gr. di peso. Non mi aspetto che diventi ungigante, ma vorrei garantirle un’alimentazione equilibrata e insegnarle ilpiacere del cibo. Spero quindi in un suo suggerimento…
Per i primi cinque mesi di vita è stata alimentata con un sondino orogastrico epoi è passata al biberon. Mangiavo pochissimo e vomitava durante e/o dopo ognipasto. I medici ci hanno consigliato di rafforzare quella piccola quantità chebeveva il più possibile (oli, liofilizzati di carne, creme di cereali).Dalsesto mese di vita (terzo di età corretta)fino ad oggi si è così alimentata. Daquattro mesi a questa parte siamo riusciti a introdurre anche gli omogeneizzatidi frutta, insieme all’uso del cucchiaino. Tutto il resto (e abbiamo provatoveramente tutto!) viene rifiutato. Tra l’altro ha solo due denti.
La mia impressione è che il suo sia un problema psicologico (malnutrita inutero per l’occlusione dei vasi uterini, privata del gusto per 5 mesi a causadel sondino). Come posso aiutarla a migliorare il suo rapporto col cibo?Giochiamo spesso con verdure,frutta, biscotti, e ci divertiamo un mondo ma Annanon mangia lo stesso. Forse bisogna solo aspettare?
Grazie


 

Cara Giusy,

penso che la bambina debba fare una valutazione nutrizionale completa eapprofondita presso un centro ospedaliero specializzato. Solo in questo modo sipuò valutare correttamente i nutrienti che assume ed eventualmente il suo statodi nutrizione, ed aiutare la piccola Anna con un piano alimentarepersonalizzato.
Saluti
Vittoria