Vulvovaginite fortissima

 

Salve dottoressa,

prima di tutto la ringrazio per tutte quelle volte che mi ha aiutato, ho piena fiducia in lei e nella sua esperienza, e per questo vorrei esporle un problema che dura ormai da un mese.

Martina (2 anni e 4 mesi) ha iniziato con prurito e bruciore all’ano, si pensava agli ossiuri, poi invece non trovando nulla, mi è stato stato detto di applicare due volte al di olio vea per eventuali ragadi.

Nessun miglioramento, anzi ora ha un fortissimo bruciore alla vagina, non vuole più urinare o essere lavata, piange e piange dal male! Cosa potrebbe essere, qual’ è la soluzione?

Grazie di tutto e buone vacanze

Spesso le vulvovaginiti sono delle infezioni che derivano dalla contaminazione della vagina con germi provenienti dall’intestino, ma potrebbe anche trattarsi di un fungo, di virus, soprattutto in estate e di infestazione da ossiuri.

Pertanto i rimedi possono essere i più svariati ed è impossibile risponderti esaurientemente e con precisione senza poter visitare la piccola e, magari, avere la risposta di un tampone vaginale, inclusa la ricerca degli ossiuri attraverso idoneo test in quanto la terapia varia da caso a caso.

Comunque i consigli generici sono quelli di lavare bene e con cura i genitali della bimba con un detergente delicato come saugella girl, oppure detergente intimo aveeno, oppure un detergente intimo ala camomilla e anche quello della linea lines che produce pannolini. Poi la bimba dovrebbe indossare soltanto biancheria bianca in puro cotone e non sintetica, larga e non aderente e se porta ancora il pannolino, tenerla senza per alcune ore al giorno. Dopo la pulizia con detergente, potresti applicare almeno due volte al giorno una crema a base di ossido di zinco tipo trofo 5 e, in caso di aspetto della vulva e della vagina fortemente arrossato, magari con qualche perdita, meglio, come ho detto, un tampone vaginale e, nell’attesa della risposta, puoi utilizzare la crema gentalyn beta che è piuttosto ad ampio spettro.

Comunque a volte, se una terapia locale non basta, si può ricorrere ad una terapia antibiotica per bocca, ma sempre che la risposta del tampone sia positiva per infezione batterica (soltamente l’amoxicillina funziona).

Valuta anche la possibilità che la piccola abbia una allergia a qualche cibo che sta mangiando più frequentemente di questi tempi e, qualora fosse opportuno, potresti fare anche un esame delle urine.

Solo dopo si potrà capire con chiarezza cosa provoca tanto fastidio alla piccola. Più di così, purtroppo, senza visitarla non posso dire. Queste infezioni sono più frequenti nelle bimbe che soffrono di stitichezza, pertanto, se la bimba ne soffrisse, il sintomo sarebbe da combattere.

Un caro saluto, Daniela

 

Condividi
Articolo precedenteRifiuta il latte e vomita le pappe
Articolo successivoRingraziamenti
mm
Medico chirurgo specializzato in Pediatria e Neonatologia con lunga esperienza Ospedaliera.