Tosse canina

0
113

Salve dott.ssa

sono qui a scrivere per chiedere informazioni circa mio figlio. Ha 5 anni, premetto che l’anno scorso è stato operato di tonsille perché ipertrofiche e adenoidi.

Tornando a noi, ho notato che è da un paio di settimane che puntualmente ha tosse. Ultimamente tosse "canina" e dopo un controllo fatto dal pediatra, con relativa cura fisiologica 2cc e mezza fiala di prontinal, la tosse è diventata grassa.

Ora da due sere a questa parte il bambino verso la mezzanotte inizia con degli attacchi di tosse tali da farlo svegliare.

Questa mattina l’ho riportato dal pediatra , il quale loha oscultato e non ha sentito fischi ai bronchi e mi ha detto di continuare con la terapia sudetta.

Stasera infatti sono le 01.10, ha avuto un altro attacco, l’unica differenza è che non riesce a rimettere i muchi perchè non ha
mai rimesso in vita sua e la trova come una cosa strana.

Mi può dare qualche consiglio? Mi scuso per la lunghezza.

Grazie di tutto

La tosse "canina" di solito è dovuta a laringite o tracheite e la terapia con cortisone per aereosol non la fluidifica ma riduce soltanto lo stato infiammatorio delle mucose.

Al massimo può essere la soluzione fisiologica che unisci al cortisone a fluidificare un po le mucosità chedi notte si accumulano sempre più che di giorno.

Pertanto, se l’antibiotico continua a non essere necessario – se il bambino, prima dell’intervento di adenotonsillectomia soffriva di ripetute infezioni batteriche alle tonsille bisognerebbe riflettere se anche questa volta la tracheite non sia ugualmente batterica visto che non ci sono più le tonsille a fare da spia – io utilizzerei l’umidificatore per aumentare la quantità di acqua respirata dal bambino ed eventualmente dei mucolitici visto che non vi è broncospasmo che li controindicherebbe.

Sefosse necessario l’antibiotico sarà il pediatra a stabilirlo. Eventualmente si potrebbe optare per un macrolide come claritromicina o azitromicina, sempre se necessario e sempre che il bimbo non sia dichiaratamente allergico a queste sostanze.

Un caro saluto, Daniela

Vota questo articolo