Svezzamento e reflusso

Gentile dottoressa,
le scrivo per avere un parere.
Sono mamma di un bimbo di quasi 7 mesi (li compirà il 21 aprile), nato a 37 sett con peso di 2380.
Ho allattato al seno fino a 4 mesi e mezzo, e ho smesso perchè soffriva di reflusso e nonostante le cure di ranidil e gaviscon non voleva piu’ attaccarsi per mangiare, addirittura mi paventavano il ricovero in ospedale, poi somministrandogli il LA/R con un cucchiaino di crema di riso abbiamo risolto, senza somministrare piu’ nessen farmaco, almeno fino allo svezzamento.
Il pediatra dell’asl mi ha fatto iniziare (seppur conoscendo la storia del mio bimbo) con crema di riso, liofiliazzato di pollo olio e parmigg e mela o pera a fine pasto…dopo qualche gg siamo tornati ad avere problemi con il reflusso al punto che il bimbo nn voleva sapere di fare le altre 4 poppate di latte…allora di mia iniziativa gli ho tolto una poppata (questo a sei mesi) e ho iniziato a dargli prima l’agnello,( ho tolto il parmiggiano e la frutta dopo il pasto) poi dopo qualche gg coniglio, poi tacchino e poi pollo…
Insomma facendo cosi’ le cose sono andate meglio fino a che nn gli ho dato il pollo…qui ha avuto di nuovo problemi di reflusso e la notte ha iniziato di nuovo a fare le acrobazie nella culla…allora ho tolto il pollo e su suggerimento del dottore nn ho sperimentato ne manzo ne vitello con la speranza di farlo tra qualche tempo quando magari il suo stom.
aco sarà in grado di tollerarlo meglio.
Pertanto abbiamo inserito la cena ma senza formaggi (alterno le carni bianche del pranzo) e ad oggi facciamo questi pasti:

alle 06.30/07.00 120 ml di latte (nn ne prende di più)
alle 09.30/10.00 120 ml di latte 
alle 12.30/13.00 pappa (120/140 di brodo- non di più altrimenti viene troppo liquido-2 cucchiai di riso mais e tapioca o semolino o 4 cereali o sabbiolina, 2 cucchiai di verdure tritate 1 cucchiaino e mezzo di olio e mezzo omo di agnello o coniglio o tacchino)
alle 16.30/17.00 banana (di solito mezzo omo)
alle 18.30/19.00 cena (stesso procedimento del pranzo alternando le carni)
alle 22.30/23.00 180/200 ml di latte (nel sonno riesco a farglielo prendere)

Al momento Giulio pesa circa 7400 kg ed è lungo 69 cm.

Volevo sapere da Lei se questo schema va bene e se mi conviene aspettare per somministrare il pesce e soprattutto i formaggi…io tra qualche giorno vorrei ridargli il pollo…secondo lei mi conviene attendere?
Sono passata alla cena perchè lui il bibe del pomeriggio faceva come la mattina ne prendeva tipo 120 ml e secondo era poco.

La ringrazio per la sua risposta e le chiedo scusa se mi sono dilungata e anche per il modo di esprimere…spero di essere stata chiara.

Le mando tanti saluti.

Rosy e Giulio di 7 mesi!




Se il bimbo tollera bene il latte artificiale, antireflusso o non antireflusso che sia, non vedo il motivo di non dare formaggi la sera, non dico tutte le sere ma ogni tanto, in alternativa alle solite carni. Tra l’altro, da come mi dici, tollera bene anche il parmigiano. Dico questo perché, qualora il bimbo tollerasse una quarantina di grammi di ricotta di mucca, ogni tanto, al posto di agnello o coniglio, oppure un formaggino sciolto nella pappa, potresti iniziare a ridurre fino ad eliminare la poppata di latte dopo cena, magari aumentando di 10 gr le poppate di latte della mattina. Continuerei a dare la frutta solo lontano dai pasti, alternando banana, mela, pera e fra un mese, un mese e mezzo, potresti provare a dare a merenda, uno yogurt al posto della sola frutta, iniziando con pochi cucchiaini mischiati alla solita frutta per poi aumentare fino ad un vasetto intero qualora lo tollerasse bene. Questo ti permetterebbe di eliminare del tutto la poppata serale . Per il pesce aspetterei il compimento dell’ottavo mese e anche una o due settimane più tardi vista la sua lieve prematurità, però potresti, fra alcune settimane, provare con il prosciutto. Lascia la carne di pollo e di vitello per ultime, sempre dopo l’ottavo mese e fai sempre un cambiamento alla volta iniziando con una quantità inferiore rispetto alla solita porzione, cioè mischiando pochi cucchiaini del nuovo alimento con quello usuale per poi aumentare gradualmente fino ad arrivare alla porzione intera. In definitiva direi: puoi provare sin d’ora con ricotta di mucca o formaggino al posto delle solite carni e, fra un mese, puoi iniziare ad introdurre prosciutto, carne di manzo, carne di vitello, pesce e yogurt, sempre con lo stesso sistema di darne inizialmente una quantità ben inferiore alla porzione, mischiata alla solita carne alla quale è abituato e, se non compaiono problemi, aumentando gradualmente fino ad arrivare ad una porzione completa e variando ogni giorno in modo da non dare mai un alimento nuovo in giorni consecutivi ma a distanza di almeno tre giorni dalla volta precedente. Il bimbo, comunque, sta crescendo bene.