Svezzamento difficile e vomito a otto mesi

 

Gentile dottoressa,

sono la mamma di Alessandro, un bel bimbo di otto mesi.

Lo sto svezzando da quando aveva sei mesi e subito ho capito che non sarebbe stato facile, mangia pochissimo di tutto e vorrebbe solo il biberon con i biscotti.

Ho provato a proporre gli alimenti più vari, ma senza successo, anzi, negli ultimi giorni arriva a procurarsi il vomito da solo.

L’ho allattato al seno fino al sesto mese, poi il mio latte è diminuito tanto e sono passata al biberon. Posso dare magari un biberon in più al giorno? Magari mettendo qualche biscotto?

Il bimbo pesa 8.300 gr ed è lungo 74 cm. La crescita del peso è ferma da un mese e sono un po’ preoccupata.

Grazie mille, Stefania

Stabilisci quattro pasti al giorno, non esagerare nei biscotti che saziano il bambino diminuendo appetito e curiosità verso cibi diversi dal latte e mettine uno solo, magari associato ad un cucchiaino di cereali, nei due biberon, prova a sostituire una delle due pappe che ora dovrebbe prendere, transitoriamente, con una farina lattea, magari del tipo biscottata, con sapore che il bimbo gradisce e dagliela la sera.

Elimina per un po’ la frutta di metà mattina, se la prendeva già, in modo che a mezzogiorno sia affamato, preparagli una pappa non troppo abbondante con brodo vegetale con sole patate (puoi usare anche quelle americane che sono dolci) e carote, aggiungi due cucchiai di passato di verdure più i soliti cereali, semolino da cuocere o farine precotte, i soliti 30 gr di carne bianca o di formaggino ipolipidico o ricotta di mucca e un cucchiaino di olio, facoltativo il parmigiano.

Se vuoi, puoi aggiungere un pizzico di zucchero nella pappa per capire se il problema riguarda il sapore più salato o la consistenza.

Di pomeriggio darai nuovamente latte ma sempre con un solo biscottino e dopo un po’, volendo, un po’ di frutta, oppure darai la frutta dopo la pappa e la sera potrai dare una farina lattea dolce che piano piano sarà mischiata a un po’ di brodo vegetale come di giorno con formaggino, ecc.

Cioè riabitualo gradatamente al sapore diverso delle pappe facendo in modo che esse abbiano un sapore più simile al latte. Gioca anche sulla consistenza, che non deve essere né troppo liquida né troppo densa e cerca di resistere alla tentazione di sostituire la pappa poco gradita con latte e biscotti, soprattutto se i biscotti nel latte saranno molti.

Non ti preoccupare per il peso, per ora, ma concentrati sulle modalità di alimentare il bimbo più gradite a lui fermi restando, in linea di massima, gli ingredienti delle pappe. Non lo forzare più di tanto e non insistere se gira la testa dall’altra parte quando gli proponi il cucchiaino. Piuttosto distrailo, gioca con lui e fallo anche giocare con la pappa tiepida. La pazienza e un pizzico di fantasia risolveranno il problema.

Se il rifiuto del cucchiaino fosse dovuto al’inizio della dentizione, fai attenzione a come glie lo metti in bocca, usa, magari, il cucchiaio di gomma e, alla peggio, metti la pappa nel biberon allargando i buchi, ma solo come misura estrema, non come abitudine.

Anche la sostituzione di una pappa con un biberon di latte deve essere considerata una alternativa eccezionale non una abitudine. Un po’ di latte dopo cena può essere concesso, però esso non deve essere dato in sostituzione di una pappa e non deve essere una abitudine.

Un caro saluto, Daniela