Sudamina in pelle atopica

Buongiorno Dottoressa 
vorrei un suo consiglio su come gestire due problemi di pelle, tendenzialmente opposti, ma accomunati da un forte prurito. 
Mio figlio ha la pelle a tendenza atopica, che migliora molto se ben idratata, i prodotti idratanti però, tendono ad esacerbare la sudamina, occludendo (sensazione mia) i pori.
Cosa posso fare per bilanciare la situazione e soprattutto per lenire il terribile prurito, che lo porta a grattarsi giorno e notte?
La ringrazio molto.
Paola




La dermatite atopica è sempre un rompicapo per mamme e bambini che ne sono affetti. Bisogna fare molta attenzione a mantenere la pelle sempre ben idratata e morbida utilizzando, per il bagno e la pulizia in genere, prodotti che non secchino la pelle, a base oleosa ed emolliente quando si tratta di prodotti per la pulizia che andranno poi sciacquati con acqua – per esempio Triderm soap liquido, Triderm bagno, Eucerin, Eubos, ecc. La pelle andrà poi sciacuata con acqua corrente, mai calda ma solo tiepida e dopo si dovranno applicare emulsioni non troppo grasse come Lichtena emulsione fluida o Eubos emulsione ultra. Il sudore è senz’altro un problema che si aggiunge al problema e l’unico rimedio è quello di evitare che il bambino sudi troppo vestendolo con indumenti leggeri anche di notte, larghi, in puro cotone, possibilmente di colore bianco o neutro, cioè non colorati e soprattutto non sintetici. Poi bisogna stare attenti alla pulizia ambientale perché in casa, nel lettino, nel materasso, nel cuscino, ecc. si moltiplicano gli acari della polvere che sono per il bambino atopico molto allergizzanti. Quindi bisogna lavare spesso le coperte, utilizzare coprimaterassi e copricuscini di tessuto antiacaro. Bisogna lavare indumenti e biancheria da letto e da bagno con sapone di marsiglia e non usare mai ammorbidenti. A bisogno, il risciacquo in lavatrice può essere fatto due volte. Infine, bisogna che il bambino limiti o eviti tutti quei cibi che, contenendo istammina, potrebbero indurre prurito anche senza che si sviluppi una vera e propria allergia. E’ bene, quindi, evitare fragole agrumi banane frutta secca legumi albume di uovo, formaggi fermentati, lievito di birra, insaccati, alimeti in scatola, spinaci, crostacei e molluschi, dadi da brodo con glutammato cioccolato. Non è detto che questi alimenti siano tutti da evitare tassativamente: basta non sommarne troppi tra loro in una stessa giornata ed evitare più drasticamente quelli che presentano un reale rapporto causa effetto tra assunzione e prurito. Per evitare il prurito, infine, non vi è altro che l’antistaminico, rigorosamente dato per bocca e mai localmente. Alcuni suggeriscono, dopo il bagno, un ultimo risciacquo della pelle con acua minerale oligominerale perché l’acqua del rubinetto potrebbe contenere molti sali minerali, a volte troppo calcio o cloro, elementi a loro volta irritanti per la pelle del bambino atopico.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone
Condividi
Articolo precedenteCellulite
Articolo successivoproteus mirabilis
mm
Medico chirurgo specializzato in Pediatria e Neonatologia con lunga esperienza Ospedaliera.