Stipsi e sovraccarico di proteine vaccine

Buongiorno dottoressa,

le scrivo perché da una settimana il mio bimbo, pur scaricando quotidianamente, emette feci dure, a volte caprine e di scarso volume, tanto da trovarle sul pannolino 2 volte al dì e non una sola. Ha poco più di 6 mesi, svezzato da più di uno anche con pappa serale, è sempre stato regolare (non conosce clismi), 15 gg fa si è ammalato con tosse, raffreddore ed inappetenza (siamo tornati al latte) e da allora sono iniziati piano piano i problemi. Ha ripreso a mangiare volentieri le pappe ma persiste questa situazione che non so se definire ‘stipsi’.

Ho letto tra le sue innumerevoli risposte i possibili accorgimenti da adottare, tra i quali la scelta corretta della frutta, la consistenza delle pappe, tisane e acqua da somministrare (beve a fatica sempre dopo la malattia)… lei sottolinea l’introduzione dei legumi decorticati, posso già iniziare a prepararglieli? Quanti e per quante volte a settimana? Sia per pranzo che per cena?
Secondo lei questo improvviso rallentamento dell’intestino da cosa dipende?
Mi dispiace risultare così prolissa ma penso sia utile dirle un’ulteriore cosa. Da quando ha ripreso le pappe mangia più di prima e a dirle la verità credo troppo. questo può causare stipsi? È sempre stato vorace e franco nel cibo; è nato di 3,620kg, lungo 51cm, con cc di 34,8cm; adesso pesa 8,7kg, lungo 72cm, cc di 44cm (noi siamo alti 180cm e pesiamo 64 e 72 kg).

Colgo l’occasione di  questo contatto per chiederle un ulteriore suggerimento se possibile. Attualmente prende 200cc di latte artificiale con biscotto a colazione; poca frutta a metà mattina; pappa con 210cc di brodo, passato di verdure, 4 cucchiai scarsi di farina mais e tapioca ,un liofilizzato ed un cucchiaino di olio; 180cc di latte nel pomeriggio; cena come sopra ma con 25g di robiola, stracchino o ricotta( il formaggino non lo mangia); dopo circa 2 ore 200cc di latte e infine tra l’1 e le 3 del mattino altri 200cc di latte. Ovviamente e quantità non sono costanti tutti i giorni.
Le quantità di cibo ci hanno sempre messi in difficoltà, non sappiamo cosa fare per ridurgliele, anche perché è un bimbo al quale non si possono imporre tempi  e modi. Abbiamo paura di sovraccaricarlo di proteine ma non saprei come e cosa sostituire. Forse dovrei sostituire la farina della sera con pastina perché più consistente, in modo da saziarlo di più? Sarebbe così gentile da darci qualche suggerimento?
La ringrazio infinitamente e mi scuso ancora per l’essere stata così prolissa. Grazie, grazie, grazie.

Io penso che il bimbo stia mangiando un po troppo, ma soprattutto assuma una eccessiva quantità di alimenti contenenti proteine vaccine: 4 pasti completi di latte più due minestrine una delle quali contenente a sua volta formaggio sono decisamente troppi. I bambini in corso di svezzamento e anche in seguito non dovrebbero assumere più di un litro di alimento totale al
giorno, ma possibilmente anche meno. Non intendo un litro di latte più le pappe ma un litro in totale, comprese le pappe. Pertanto io stabilirei la sua alimentazione in questo modo: quattro pasti al giorno di cui due di latte, mattina e pomeriggio, di 200, 230 gr al massimo con due cucchiaini di farina di cereali o anche di farina precotta di avena che regolarizza l’intestino. A metà mattina frutta, circa una sessantina di grammi, pera, pochi cucchiaini di succo di arancia, omogeneizzato di prugna, ecc. A pranzo e a cena brodo vegetale attorno ai 180 gr nel quale verranno disciolti o 3 cucchiai rasi di farina di cereali precotti oppure un cucchiaio e mezzo
massimo di pastina doppio zero da cuocere (si gonfia in cottura), poi due cucchiai di verdure miste passate utilizzate per il brodo vegetale nelle quali possono trovare posto anche un cuore di carciofo – mi raccomando le foglie no, nemmeno le più tenere – e, nel complesso delle verdure utilizzate, anche un cucchiaio scarso di lenticchie decorticate. Di questa purea complessivamente ne prenderai, come ho detto, solo due cucchiai a pasto, poi mezzo vasetto di omogeneizzato o comunque l’equivalente di 30 gr di carne bianca fresca.

La sera potrai dare 20, 25 gr di ricotta al posto della carne oppure soltanto un cucchiaino o al massimo due da caffè rasi di parmigiano, cioè 10, 15 gr ma non tutte le sere. 200, 230 gr di latte la mattina più lo stesso di pomeriggio corrispondono a 460 gr  di latte che, sommati al formaggio serale, porterebbe a circa 550 gr come equivalente di latte la quantità di alimento proteico di derivazione vaccina. C’è ancora possibilità di dare attorno ad un massimo di 150 gr o poco meno, cioè c’è ancora posto per una ulteriore minipoppata di latte in tarda sera o di notte, ma non due.

A fronte di questi piccoli aggiustamenti, potresti somministrare al bimbo dei fermenti lattici per alcune settimane e tanta acqua da bere non più oligominerale. Un altro po’ di frutta può essere dato dopo il pasto di mezzogiorno oppure di pomeriggio al posto dei cereali del latte.

Un caro saluto, Daniela