Si sveglia nella notte, ma non piange

 

Buongiorno dottoressa,

le scrivo per segnalare un comportamento alquanto strano e recente da parte di mio figlio di sette mesi e mezzo. È un bambino molto buono e socievole, ha iniziato lo svezzamento circa due mesi fa e da circa un mese ha introdotto la pappa serale (omogeneizzato di carne, grana, verdura passata e pastina) pur mantenendo tre poppate al giorno più quella notturna. Mangia tanto e pur non essendo un colosso cresce bene.

Da diversi mesi lo abbiamo abituato ad addormentarsi (sempre alla stessa ora – alle 20:00) da solo nel suo lettino e non ha mai fatto storie: in tre minuti è già addormentato (dopo aver mangiato la pappa serale alle 19.15 e appena prima di essere messo a letto la sua poppata al seno).

Da un po’ di tempo però ha risvegli frequenti (talvolta 1 o 2, altre volte anche 5 o 6 ). La maggior parte delle volte però non piange e non chiama, ma sta nel suo lettino a far pernacchie o a giocare con il ciuccio. La sua culla è a fianco del lettino ed è sufficiente che mi sporga, lo accarezzi o gli metta il ciuccio che immediatamente, nel giro di massimo un minuto si riaddormenta (tranne intorno alle 2 o 3 di notte che mangia al seno riaddormentandosi comunque subito anche in quel caso).

Ripeto questi episodi possono essere 2 o 5 a notte. Si sveglia definitivamente alle 7.30 circa di mattina, fresco e riposato.

Da cosa potrebbe dipendere questo atteggiamento così recente? Non ha mai avuto problemi di sonno, ha sempre dormito tanto. Fa un sonno di circa due ore dalle 12.00 alle 14.00-14.30 di pomeriggio, più un sonno di mezzora intorno alle 17.00-17.30 , ma non sempre.

La temperatura della camera cerchiamo di mantenerla intorno ai 23-24 gradi con l’aria condizionata. Come dovremmo coprirlo perché non abbia né caldo né freddo? La pappa serale è troppo abbondante o troppo vicina all’ora della nanna ?

Ancora non lavoro, non va al nido e siamo sempre insieme praticamente in simbiosi. Non ha mai avuto nessun problema di salute in sette mesi e ripeto che per il resto è un bambino buonissimo che non piange quasi mai.

Ancora non gattona e non ha denti (ad ogni modo se fossero quelli si sveglierebbe piangendo, no?). La nostra pediatra minimizza e dice che dobbiamo ritenerci fortunati. Ma a sette mesi non dovrebbe cominciare a dormire tutta la notte per undici o dodici ore?

Le sarei grata per qualsiasi consiglio e le faccio i miei complimenti, Alessandra

Se i risvegli non sono troppo prolungati e se non piange ma si mostra sereno, vuol dire che ha semplicemente finito un ciclo di sonno e, avendo qualche problema ad entrare nel successivo ciclo di sonno per labilità della fase di sonno leggero, semplicemente si sveglia perché per lui, in quel momento, il sonno è finito. Poi ti sente respirare, capisce la vostra presenza, lo coccoli e si sente tranquillo. Tutto qui.

Le varie fasi del sonno si susseguono continuamente durante la notte e mentre nel sonno adulto sono più prolungate e si completano in un maggior numero di minuti o ore, nel bambino sono più brevi, quindi sono in numero superiore, pertanto cinque o sei risvegli possono corrispondere alla fine di una fase. Ma, ripeto, se il bambino non dimostra di avere nessun tipo di disagio, non vedo motivo di preoccupazione.

Tra l’altro, le sue ore di sonno, nel complesso, se le fa e quello che importa è la qualità del sonno, cioè è importante che il sonno sia ristoratore (mi sembra che per il tuo bimbo lo sia). Questo vuol dire che nonostante tutto le ore di sonno gli bastano e si tratta di un sonno completo di tutte le sue fasi e i suoi cicli, profondi, meno profondi, sogni ecc., altrimenti non si sveglierebbe riposato.

I bimbi gattonano attorno al nono, decimo mese, non ora e, al massimo, a otto mesi vanno indietro come i gamberi. I primi dentini cominciano verso il sesto mese, ma la maggioranza dei bimbi li mette a otto o più mesi.

Un caro saluto, Daniela