Si causa il vomito con le manine in bocca a due mesi


Salve dottoressa,

sono giorni che la mia bimba di due mesi e mezzo tiene le manine in bocca fino a quasi procurarsi il vomito, perché?

Grazie.


I bimbi piccoli, appena sono in grado di spostare le loro mani e di girare la testa fino a trovare i pugnetti, mettono la mano in bocca per istinto visto che con la bocca e le labbra, ricchissime di terminazioni nervose sensitive, riescono ad analizzare e conoscere meglio che in qualsiasi altro modo le caratteristiche degli oggetti che li circondano e che hanno desiderio di conoscere: quindi, forma, consistenza, volume, sapore, caratteri della superficie, odore, temperatura, nelle prime settimane di vita, quando la funzione visiva non è ancora ben sviluppata, sono mille volte meglio percepite mettendo in bocca l’oggetto piuttosto che fissandolo con lo sguardo o cercando di decodificarne il suono o altro.

Per di più, a questa età, i bimbi sono in piena fase orale e provano piacere a "possedere" con la bocca le cose che desiderano, l’oggetto dei loro desideri, insomma. La mano e il pugno sono le prime cose che possono mettere autonomamente in bocca quando non sono vicini al seno della mamma ma soli nel loro lettino e quando non hanno la bocca tappata con il ciuccio.

Quando riescono a mettere tutta la mano a pugnetto chiuso in bocca, proprio per conoscerne meglio le caratteristiche, può capitare che un dito di apra e si allunghi fino al palato stimolando il vomito.

D’altra parte, fino al terzo mese e oltre, i bambini hanno il riflesso di apertura del pugno (che di solito resta chiuso o semichiuso) quando si applica un lieve stimolo pressorio sul dorso della mano. Allora si può pensare che, quando quasi tutta la mano è ficcata in bocca, il labbro superiore e l’arcata mascellare superiore costituiscano uno stimolo pressorio sul dorso della mano tale da farla aprire anche solo parzialmente per riflesso dentro alla bocca. Questo è il semplice motivo dell’occasionale vomito della bimba quando mette in bocca il suo pugnetto.

Un saluto,

Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone