Rifiuto improvviso di biberon e seno

Egr. Dott.ssa,

sono la mamma di una bimba di appena un mese e 10 giorni, allatto mia figlia in modo misto, prediligendo il biberon poiché non ho mai avuto una quantità di latte atta a sfamarla.

Mia figlia ha sempre mangiato con gusto e con voglia sia al biberon sia al seno, ha sempre mangiato a dovere, anzi delle volte piangeva per la fame, svegliandosi ogni tre ore strillante. Di colpo ha cominciato ha rifiutare il biberon e ha smesso anche di attaccarsi al seno, con pianti isterici e rigurgiti se insisto.

La situazione comincia a preoccuparmi, ha smesso di alimentarsi ogni tre ore, e se non la stimolo, dorme anche sei ore di filato senza cibarsi; quando ha fame, mangia appena 50 grammi, contro i 120 di qualche giorno fa.

Ho consultato la pediatra, mi ha detto che questo repentino cambio di abitudini alimentari non è strano, sinceramente la cosa mi lascia basita, può cambiare atteggiamento da un giorno all’altro? Sono disperata poiché rifiuta il biberon e rifiuta il seno…cosa devo fare? Non piange né si lamenta, però io la vedo più assopita e più moscetta del solito. Sto aspettando i risultati dell’urinocultura e sto cominciando a monitorare il peso.

In attesa di una sua risposta le porgo i miei più Cordiali saluti.

La ringarzio per il Suo interessamento.

 


In attesa dei risultati della urinocultura offri alla bimba soltanto il seno: cerca, nel frattempo, di bere molto e di sostenerti con una corretta alimentazione (non lesinare i cereali) più i soliti integratori che promettono di stimolare la produzione di latte (non metterei la mano sul fuoco sulla loro efficacia ma male non fanno).

Allatta la bimba a richiesta ma comunque, dopo tre ore e mezzo al massimo, attaccala al seno e così per tutto il giorno e per tutta la notte salvo un intervallo di sei ore che potrai fare o da mezzanotte alle sei o quando ti sembrerà più opportuno in base al sonno della bimba. Attacca la bimba a entrambi i seni in modo che sia in grado di svuotarli bene.

Non dare aggiunte se non in caso di strilli esagerati e di ricerca affannosa di latte da parte della bimba. Controlla quanto urina valutando il peso dei pannolini quando la cambi o, al limite, pesandoli prima di buttarli via e sottraendo al loro peso quello di un pannolino asciutto.

Tieni d’occhio anche le feci: non tanto il numero delle evacuazioni e la loro quantità, ma l’aspetto delle feci, che devono essere giallo oro, cremose e non troppo liquide o verdastre o maleodoranti. Controlla anche la temperatura, una o al massimo due volte al giorno, prima di una poppata e il peso della bimba ogni mattina alla stessa ora, nuda, oppure anche ogni due giorni, anche vestita, ma sempre nelle stesse condizioni, cioè con gli stessi vestiti e con il pannolino appena cambiato e ancora pulito.

Per quanto riguarda il comportamento generale della bimba, il comportamento neurologico e lo stato di idratazione: sono valutazioni che spettano alla pediatra. In ogni caso, con l’alimentazione mista, potrebbe essersi sovralimentata per alcuni giorni e non avere fame adesso: saresti ancora in tempo per eliminare il latte artificiale e allattarla soltanto al seno, se la quantità di latte che produci superasse la metà di quanto teoricamente e spesso arbitrariamente stabilito dagli schemi.

Un caro saluto,

Daniela