Rifiuta di mangiare

Salve dottoressa,

ho una bimba di 6 mesi, nata il 13/07/2009, pesava 3.100 kg, alle dimissioni pesava 3kg e adesso pesa 7kg. Si è fermata la crescita un po’ dai 3 mesi quando pesava 5.900kg.

Il problema è che la bimba, da allora, ha smesso di mangiare bene. Mangia 300ml di latte al giorno. Finora la mia pediatra mi ha detto di dare il latte artificiale e al quarto mese iniziare lo svezzamento, ma la bimba rifiuta tutto.

Abbiamo fatto tutti gli esami e tutto risulta nella norma.

Da un mese ho iniziato a darle il protovit gocce.

Da allora, ha iniziato a mangiare un po’ meglio e adesso da due settimane di nuovo è tornato tutto come prima e mangia poco.

Mangia alle 6 del mattino 50 ml di latte mio, alle 11,30, 150 ml di brodo, con 3 cucchiai di crema e formaggio; mangia solo la metà della quantità. Alle 3,30 mangia 100 ml di latte artificiale e 50 ml del mio; alle 19 e 30, 100  ml di latte artificiale e alle 2 del mattino 50 ml del mio.

Adesso ho iniziato la pappa serale, al posto del latte, ma lei la rifiuta. Sono molto preoccupata. Non so cosa fare. 

Se lei mi desse qualche consiglio le sarei molto grata.

Mi stavo chiedendo se ci fosse qualche altra vitamina più forte del protovit.

Grazie mille

La tua bimba, dalla nascita ad ora, è cresciuta bene, cioè, è cresciuta esattamente come ci si doveva aspettare per una bimba che alla nascita pesava 3,100 kg, cioè una bambina con una costituzione normale, ma non molto robusta.

Pertanto, qualsiasi cosa abbia mangiato e in qualsiasi modo l’abbia fatto, tutto sta andando,comunque, bene.

Per quanto riguarda l’appetito che a te sembra scarso: esso può variare da bambino a bambino e quando un bambino cresce in modo normale, anche un appetito scarso non dovrebbe preoccupare.

Io ti posso dire cosa consiglierei ad una mamma con il tuo stesso problema: le direi di programmare per la sua bimba 5 pasti al giorno, alle sei, alle 9,30, alle 12 o poco prima, alle 15,30 o poco dopo, alle 19 e alle 22.

Ogni pasto, al biberon o con il cucchiaino che sia, dovrebbe essere di circa 130, 140 gr.

Darei latte artificiale sin dalla prima poppata, preparandone, come ho detto, 140 gr con l’aggiunta di un cucchiaino di crema di riso o di mais e tapioca, senza preoccuparti troppo di quanto ne prende.

Il secondo pasto delle 9,30 potrebbe essere latte materno oppure mezzo vasetto di omogeneizzato di frutta oppure mezza tazzina da caffè di frullato di mela o pera.

Alle 11,30 o 12, darei 130, 140 gr di brodo vegetale con due cucchiai rasi di farina di cereali, due cucchiai rasi di passato di verdure e 30 gr di carne più olio un cucchiaino.

Alle 15,30, massimo 16 darei o il latte al seno oppure il biberon come la mattina, magari anche senza aggiunta di crema di riso. Se la bambina non lo finisse tutto potrai arricchirlo con i cereali così in una quantità scarsa di latte assumerà comunque un pochino più di calorie.

Alle sette di sera potrai provare a darle una farina lattea dal sapore dolce, a volte piace di più della solita minestrina e se dovesse finire tutta la quantità di 130, 150 gr, se non te lo chiederà non dovrai più attaccarla al seno dopo tre ore, altrimenti, se dovesse mangiare poca pappa lattea o poca minestrina, dopo tre ore potrai comunque attaccarla al seno fino a che avrai ancora un po’ di latte.

Le vitamine vanno bene quelle che stai prendendo e anche aggiungendo altri prodotti l’appetito non si modificherà.

Ma, ripeto, siccome la crescita è buona, non devi più crearti problemi per l’appetito della piccola e da ora in poi basterà pesarla soltanto ogni due mesi. Imposta quindi i 4 o 5 pasti della giornata senza il latte al seno e riserva il tuo latte per qualche pasto fuori orario o quando devi uscire e portare la bimba con te o per la notte, se necessario, ecc. Attaccandola ancora al seno la piccola si stancherà e anche se non avrà succhiato molto latte non avrà più voglia delle aggiunte.

Un caro saluto, Daniela

Condividi
Articolo precedenteCortisone e antibiotico
Articolo successivoPrende poco latte
mm
Medico chirurgo specializzato in Pediatria e Neonatologia con lunga esperienza Ospedaliera.