Ricostituenti

Gentilissima Dottoresa le scrivo per chiederle un consiglio, mio figlio è in prima elementare e sta avendo un calo nell’attenzione è svolgiato; alcune persone mi hanno consigliato dei ricostituenti per aiutarlo in vista della primavera io volevo sapere se effettivamente fanno qualcosa oppure è più l’effetto placebo che altro.
la ringrazio



Se il bimbo è di costituzione magra, devi capire se la mattina fa, di abitudine, una corretta e sufficiente colazione con carboidrati a lenta assimilazione come i cereali, proteine come latte o yogurth, carboidrati a veloce assimilazione come zucchero o miele e frutta. I bimbi magri, infatti, potrebbero andare incontro a cali di glicemia mattutini se non si alimentano adeguatamente dopo le lunghe ore di digiuno notturne. Se il bimbo sta crescendo molto in altezza e se, in generale, non mangia molto, potresti valutare la presenza di una anemia da carenza di ferro, frequente in periodo evolutivo, soprattutto se vi è una certa familiarità per questo tipo di problema. Se il bimbo tende ad andare a letto tardi, per suo bioritmo o per abitudini familiari, dovresti cambiare i ritmi della sua giornata e imporgli di andare a letto non oltre le otto e mezzo, nove. Dopodiché non è fondamentale che si addormenti subito, ma che inizi a rilassarsi per andare incontro al sonno ad un’ora tale da permettergli di dormire almeno otto se non dieci ore. I possibili ricostituenti e le possibili vitamine sono tutte presenti negli alimenti se il piccolo ha una alimentazione equilibrata e sana anche se, ad onor del vero, gli alimenti attualmente – parlo soprattutto di frutta e verdure fresche – difficilmente sono biologici e integrali e parte dei loro principi nutritivi potrebbero essere stati perduti con la conservazione o il trascorrere del tempo. Prima degli integratori, però, è meglio accertarsi di tutto quanto detto prima.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone