Reflusso e sonno agitato

0
567

 

Gentile dottoressa,

sono la mamma di una bambina di quattro mesi che praticamente non ha fatto altro che urlare fino all’altro ieri, quando su suggerimento di una delle mamme del forum ho intuito che potesse soffrire di reflusso.

Sono andata dalla pediatra che ha confermato la diagnosi e mi ha prescritto ranidil 3 mg per due volte al giorno. Non so se sia un caso, ma da due giorni Ada non piange più, ha pianti normali e non le grida che faceva prima! La faccio dormire anche con il letto inclinato, però la notte mi sembra molto agitata si gira in continuazione la testa da una parte e dall’altra, sfrega il viso sul materasso e si rigira ancora… muove il sedere in un modo particolare, non saprei spiegarlo.

Mi chiedo se sia normale che si rigiri così o se l’agitazione è data dal reflusso. A volte piange per qualche secondo, si agita vigorosamente magari si lamenta e poi dorme per venti minuti tranquillamente (non emette aria). Posso fare qualcosa per rendere il sonno di Ada un po’ pi§ tranquillo?

Grazie per la cortesia, Alice.

Il ranidil fa quello che può ed è già molto se la bimba non piange più disperatamente come prima durante il giorno. Durante la notte i reflussi non si fermano, anzi, possono anche aumentare di frequenza, quindi il sonno agitato può dipendere anch’esso dal reflusso così come la bimba potrebbe avere qualche disturbo precoce del sonno, specie se uno dei genitori, da piccolo, ne soffriva.

Ma io mi concentrerei sul reflusso. Se la bimba è allattata al seno, valuta la possibilità di aggiungere al ranidil un farmaco protettivo della mucosa esofagea come il riopan gel (non tutti sono d’accordo su questo tipo di farmaco e anch’io lo consiglio solo in casi eccezionali), ma se la bimba fosse allattata artificialmente, valuta la possibilità che il reflusso, frequente nei primi mesi e praticamente fisiologico, non sia, in questo caso, accentuato o aggravato da una intolleranza alle proteine del latte vaccino. In tal caso bisognerebbe cambiare tipo di latte.

Un caro saluto, Daniela

Vota questo articolo