Quantità di latte a sei settimane

 

Buona sera,

volevo essere sicura di non dare troppo latte al mio bambino. Siccome ci sono stati dei problemi di suzione all’inizio, in ospedale ho iniziato a tirare il latte e darlo con il biberon. Qualche volta con delle aggiuntine di latte artificiale.

Ora il bambino succhia dal seno abbastanza bene ma mangia moltissimo, non so se perché con il biberon si è abituato a mangiare facile e tanto. Di fatto, fa 7 poppate da 150 ml, quasi tutto latte materno, diciamo che quando proprio ne ho poco, al massimo prende 150 ml in totale di latte artificiale.

Leggendo in rete le tabelle vedo che mangia molto, anche perché dal mio seno succhia sui 110/120 ml e se si accontentasse sarei a posto, invece inizia a piangere, oppure starebbe attaccato al seno anche per un’ora e mezza. Si sazia solo con 150 a poppata, per 7 volte. Va bene lo stesso? Devo ridurre? Spesso non tira nemmeno le 3 ore e mezza tra l’inizio di una e l’inizio dell’altra.

Il bambino è nato di 2,8 kg, ora a 6 settimane è 4,4 kg, quindi cresce parecchio.

In attesa di una gentile risposta la ringrazio in anticipo. Saluti, Silvia

Al bambino dovrebbero bastare 700-750 gr di latte nelle 24 ore, cioè esattamente quello che riesci a produrre tu. Finora è cresciuto bene e nemmeno poi in modo spropositato anche se molto, visto che, in media è cresciuto poco più di 250 gr a settimana.

Se il bimbo era a termine di gravidanza con una lunghezza ad un percentile superiore a quello del peso e una presunta costituzione (come sono i genitori?) più robusta rispetto al suo scarso peso nascita, vuol dire che è nato affamato e con l’istinto di recuperare il tempo perso a stare "a dieta" in utero.

In questo caso, se lo scarto tra il peso nascita e il peso presunto per la sua lunghezza e la sua età gestazionale fosse confermato, l’appetito del piccolo si ridurrebbe appena raggiunto il peso che la natura ha stabilito per lui, altrimenti, se fosse minuto anche di costituzione e non troppo lungo, mangerebbe un po’ troppo.

Io cercherei di non dargli aggiunte, anche perché quei 150-200 gr di aggiunta sono talmente pochi nell’insieme del latte che prende nelle 24 ore, che potrebbero essere, forse, prodotti in più da te se lo attaccassi a richiesta e questo può ancora succedere visto il poco tempo trascorso dalla nascita. Attaccalo al seno ogni tre ore, ma anche ogni due ore e mezzo andrà bene e non rispettare assolutamente le tre ore e mezzo di intervallo che non hanno nessun senso con l’allattamento materno.

Tu cerca di bere molto, di mangiare bene e di riposarti tutte le volte che puoi: l’obiettivo attuale è quello di eliminare le inutili aggiunte alle quali il bimbo si è abituato e se non lo persegui ora questo obiettivo, ora che è ancora piccolo, molto difficilmente potrai farlo in seguito. Butta bilancia e orologio e attacca il bimbo al seno a richiesta senza guardare quanto tempo è passato tra una poppata e l’altra. La calata lattea è massima quando l’intervallo tra le poppate è di tre ore, non di più, inclusa la notte.

Un caro saluto, Daniela