Piccoli tremolii alle gambe e coliche

Gentile Dr.ssa, mi rivolgo ancora a Lei.

La mia piccola di 4 mesi e mezzo, da un paio di settimane soffre di mal di pancia, direi colichette, anche se non rientrano nei 3 mesi canonici.

Pesa 7 kg e 3, cicciottella, quando si attacca al seno dopo un po’ si irrigidisce e comincia a piangere, non riesce sempre a fare aria e quindi la poppata diventa difficile. Di notte, poi, si lamenta e si sveglia di frequente sempre per colpa dell’aria nella pancia (le metto una mano sul pancino e sento le bolle e lei si calma solo con il mio calore). Cosa può essere?

Inoltre, non punta mai le gambine per "stare in piedi": anzi, se ci provo, lei non spinge e le ritrae oppure se punta i piedini a terra presenta temolii alle gambe e poi si mette a frignare. Questi tremolii li ha dalla nascita, sono diminuiti in frequenza, i pediatri ci hanno sempre detto che sono nella norma e che sarebbero scomparsi entro il 3 mese; ho paura che abbia problemi ai muscoli delle gambe, che non punti le gambine perché ha i muscoli deboli o qualche problema alle anche (Ortolani negativo), cosa posso fare? Massaggi, cure, visite, esercizi?

Grazie, sono la solita mamma super-apprensiva…ma non si sa mai!

Cordialmente,

Laura


Cara Laura,

comincio dalla fine: per quanto riguarda il tono muscolare delle gambine e i tremori della bimba, senza poterla visitare proprio non mi pronuncio ma penso che sia bene che tu ti fidi dei pediatri che l’hanno in cura.

Per quanto riguarda il fastidio alla digestione, visto che inizia già durante la poppata, mi chiedo se non ci sia anche un po’ di reflusso gastroesofageo oltre alle colichette. E questo lo potrà stabilire solo il tuo pediatra.

Per le coliche, anche se molte scuole di pensiero smentiscono, ora, la necessità di fare osservare alla mamma che allatta un periodo di dieta con scarso o niente apporto di latte e derivati, di cibi contenenti grassi animali e di tutti gli alimenti potenzialmente responsabili di intolleranze o allergie alimentari, c’è da dire che sia le coliche persistenti che il reflusso possono essere la spia di una intolleranza alle proteine del latte vaccino, quindi, ammesso che vi sia veramente questo reflusso, tanto più se abbinato alle coliche e, ancor di più se la mamma o un altro fratellino o sorellina, più difficilmente il papà, soffrissero di allergie o di intolleranze alimentari di una certa importanza, se la bimba stessa avesse o avesse avuto dermatite atopica, anche se non assume ancora latte artificiale, sarebbe opportuno eliminare eventuali allergeni dalla dieta materna.

Una volta inquadrato bene il problema, o i problemi, si potrà pensare al giusto rimedio. Cioè, se le coliche sono funzionali e non spia di allergie varie, il massaggio infantile potrà giovare, così come potrà essere utile nel modulare il corretto tono muscolare delle gambe e via discorrendo, ma se dietro alle coliche e all’ipotetico reflusso ci fosse dell’altro, servirebbero dieta e terapia farmacologica adeguate da prescrivere solo a diagnosi formulata o se il sospetto diagnostico è forte.

Un caro saluto,

Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone