Pianti notturni

 

Buongiorno Dottoressa,

Simone ha 13 mesi e da due mesi circa a questa parte è diventato difficile farlo addormentare: beve la sua tisana e mentre prima si addormentava cucciando adesso dopo la tisana iniziano gli stiramenti delle gambe, i pianti ecc.

Durante il sonno capita poi che pianga disperato dormendo o che si svegli piangendo disperato, si calma solo se lo si riprende in braccio e si addormenta di nuovo quando lo decide lui. È vero che sta tagliando tutti i premolari insieme ma per i denti non ha mai dato problemi.

Non so se sono stata sufficientemente chiara, la ringrazio comunque anticipatamente.

L’abitudine di addormentarsi bevendo tisane varie, specialmente se dolcificate, non mi sembra delle più corrette. In ogni caso al momento della deambulazione e della dentizione i bambini sono inevitabilmente più irrequieti e le molte esperienze per loro nuove che fanno ogni giorno, compresi alcuni capitomboli che creano sorpresa e paura, l’esperienza di allontanamento dalle braccia della mamma, richiedono tempo per essere assimilate e i probabili sogni o terrori notturni possono essere la conseguenza di queste tensioni emotive.

Io credo che serva soltanto pazienza e una buona dose di comprensione. Quando avrà imparato a camminare speditamente e, più avanti, a parlare quindi ad esprimersi meglio e non solo con il pianto, il bimbo si calmerà senz’altro perché sarà in grado di esprimere i suoi pensieri più compiutamente.

Un caro saluto, Daniela