Peso eccessivo

 

Salve dottoressa,

 

prima di tutto grazie di cuore per la sua risposta veramente esaustiva per il problema del seggiolino, ho tutto chiaro.

 

Ora le volevo chiedere un’altra cosa, il mio bimbo di otto mesi mangia che è una meraviglia, non mi ha mai dato problemi neanche durante il primo svezzamento, pesa 9.950 kg ed è alto più o meno 71 cm.

 

Mi chiedevo, è troppo "cicciotello" o va bene? Confido nel il fatto che tra poco inizierà a camminare e magari si sfilerà un pochino.

 

Un caro saluto, Mary

 

 

 

 

 

Come per un adulto, il peso in eccesso rende difficoltosa e faticosa la deambulazione anche nei bambini, quindi il sovrappeso deve essere ridotto sin d’ora. Fai in modo che il bimbo non cresca più fino al raggiungimento di 75 cm di altezza o, al massimo fai in modo che quando sarà alto 75 cm non pesi più di 10 chili.

 

È molto importante che tu prenda consapevolezza di ciò perché un sovrappeso così precoce rischia di riaffacciarsi anche in età adulta anche se negli anni della fanciullezza sembrerà scomparire a favore di una veloce crescita in altezza.

 

Un bambino in sovrappeso, inoltre, può essere costituzionalmente così (ragion di più per fare attenzione all’alimentazione), ma può avere anche una certa sregolazione del centro dell’appetito, cioè può spontaneamente tendere ad alimentarsi più del necessario, quindi è un motivo in più per controllarlo da questo punto di vista e non fidarsi del suo appetito e della sua capacità di autoregolarsi.

 

Il maggior movimento che farà quando camminerà lo aiuterà soprattutto a crescere bene in altezza e questo impedirà transitoriamente una assimilazione eccessiva degli alimenti, quindi lo farà apparentemente dimagrire modificando le proporzioni, ma i bambini devono raggiungere l’anno e i tre anni di età, che sono delle età chiave per il sovrappeso, in condizioni di normopeso, altrimenti è molto probabile che avranno il problema in futuro, anche se sarà, magari, un futuro molto lontano, come l’età adulta o della menopausa nelle donne e i 40 anni o poco più negli uomini.

 

Ma il futuro dei figli dipende in parte anche da chi li gestisce.

 

Un caro saluto, Daniela