Pasti notturni a 10 mesi

 

La mia piccola ha 10 mesi e fa ancora 5 poppate al giorno oltre ad uno spuntino di frutta e le pappe ai pasti principali. Lo schema quotidiano è questo:

– Poppata tra le 4 e le 6 di notte

– poppata colazione

– spuntino frutta a metà mattina

– pappa a pranzo (presto, al nido)

– poppata alle 1330 (questa so che potrebbe essere eliminata ma "ci serve" per arrivare alla merenda in orari compatibili col ritiro del fratello da scuola, dopo la nanna)

– Poppata merenda alle 1615

– Pappa alle 19

– Poppata pre-nanna alle 20

Mangia molto ai pasti ed è comunque poso sopra il 3° percentile nelle curve di crescita. E’ una bimba molto attiva (ha iniziato a gattonare a 5 mesi e mezzo) e al nido, che frequenta solo di mattina pare sia scatenata!

A volte si addormenta al seno, ma più spesso crolla da sola nel lettino dopo un breve piantino.

La mia domanda è questa: la poppata dell’alba c’è modo di eliminarla o è possibile che abbia davvero fame?

I primi 4 mesi di vita dormiva filato dalle 20 alle 7!

Ora invece quando si sveglia tra le 4 e le 6 (l’orario è molto variabile, comunque solo una volta in tutta la notte) non c’è modo di farla ridormire se non offrendole il seno (che svuota voracemente).

Il mese scorso il fratellino di 3 anni è rimasto ricoverato in ospedale e io dormivo lì con lui. Durante quelle 10 notti, quando la piccola si svegliava, si scolava un biberon di latte che mi tiravo la mattina

 A 10 mesi è verosimile che  non riesca ancora a tirare fino al mattino, sebbene da neonata lo facesse? Darle il latte è una "cattiva abitudine" che dovrei cercare di eliminare?

Grazie

E’ possibile che la seconda poppata, quella che tu chiami della colazione, sicuramente piuttosto vicina a quella di prima mattina, che tu chiami notturna, non sia molto sostanziosa, così come almeno una di quelle tra il pomeriggio e la sera (13,30 – 16,15 – 20): pertanto ipotizzo che su 5 poppate al seno la bimba assuma una quantità di latte materno pari a non più di due o tre poppate veramente sazianti.

Per ritardare un po’ la fame della mattina prestissimo potresti provare a ritardare un po’ la cena, diciamo alle 19,30, non più tardi e per farla arrivare fino a quell’ora io le darei una merenda a base di yogurt o altro alle 16, sempre offrendole il seno se lo desidera verso le 13,30 per motivi pratici.

A questo punto la bimba potrebbe forse arrivare fin verso le sette di mattina e in tal modo fare come secondo pasto solo quello a base di frutta in tarda mattinata. In tal caso si attaccherebbe al seno verso le sette, verso le 13,30 e dopo cena se lo desiderasse ancora.

Ma le due pappe a cucchiaio saranno sufficientemente sazianti per la piccola? Se tu ti senti bene e hai ancora voglia di allattare io non scenderei sotto le tre poppate giornaliere di latte materno, almeno fino al compimento del primo anno di vita. Comunque tieni presente che un solo risveglio di mattina molto presto (direi che notturno si potrebbe chiamare fino alle tre o le quattro, non alle cinque o alle sei) è la norma per un bambino che viene ancora allattato al seno. Il latte materno, quando c’è, è sempre nutriente ma si digerisce più velocemente del latte artificiale; in più non vi sono aggiunte di biscotti o cereali, pertanto è possibile che sazi meno a lungo di un altro latte anche a parità di quantità.

Un caro saluto, Daniela