Nopron e reflusso

 

Gentile Dottoressa,

 

Le scrivo perché ho alcuni dubbi.

Ho un bimbo di 4 mesi e mezzo, alla nascita ha pesato 3.240 kg per 52 cm; attualmente stiamo facendo allattamento misto, nelle ore in cui sono fuori casa prende latte adattato di tipo 1 (circa 2 o 3 biberon al giorno), il resto prende il mio latte.

Pesa ora 7.115 ed è lungo 68 cm.

Il bambino ha diversi problemi, soprattutto legati al sonno. Dorme pochissimo sia di giorno che di notte, di giorno riposini micro, di 30 minuti al massimo, a volte sembra quasi abbia un timer perché spacca il minuto.

Di notte nonostante le mille attività che cerchiamo di farli fare di giorno, dorme al massimo due ore di fila e poi cominciano le danze: il bambino è agitato, si muove, si gira e si rigira, si lamenta e a volte piange, finché ovviamente si sveglia, bisogna ancora cullarlo, e così avanti ogni ora sino al mattino.

Dopo varie ipotesi siamo arrivati ad un possibile reflusso che non compromette la crescita ma provoca disagio al bimbo.

Viene prescritto il ranidil, ed ecco le mie domande :

– Quali sono i rischi/ effetti collaterali del ranidil a questa età?

sono un pò preoccupata di dovergli dare un farmaco di questo tipo.

– Mi è stata prospettata ipotesi di dargli il Nopron più avanti, ma mi chiedo: nel caso in cui i suoi risvegli dipendessero effettivamente da reflusso o coliche o qualunque altro disturbo, il Nopron sarebbe comunque in grado di farlo dormire?

O sarebbe del tutto inutile la somministrazione, a questo punto?

Attendo un cortese riscontro.

La ringrazio.

Marzia

 

Lascia perdere l’idea del nopron e cerca piuttosto di capire bene la causa del disagio del bimbo. Il reflusso è una ipotesi molto plausibile e in tal caso il ranidil sarebbe l’unico rimedio (o farmaci analoghi antiacidi). Effetti collaterali veramente pochi se si esclude la possibilità di un po’ di diarrea o di alvo più irregolare e, a volte, dolori addominali. Puoi darlo con tranquillità.

Va anche prospettata l’intolleranza al latte e la possibilità che il sonno disturbato dipenda da tensione addominale oltre che da reflusso (entrambi i disturbi possono coesistere). Quindi ranidil sì e nopron no adesso e forse no anche in futuro se si evidenzia la causa di questa agitazione con una certa precisione.

Che ne diresti di svezzarlo verso il quinto mese, visto che tanto non assume soltanto latte materno?

Prenderebbe meno latte in generale e cibi più densi.

Un caro saluto, Daniela