Non vuole più la carne

 

Buongiorno Dottoressa,

la ringrazio fin d’ora per la sua risposta.

Il mio bambino ha 20 mesi e fino a un mese fa mangiava di tutto. Anche se aveva finito di mangiare, voleva assaggiare quello che avevamo nel nostro piatto, dalla verdura bollita, alla carne.

Ora la carne, seppure a pezzetti non la mangia più, non gli è mai piaciuta tanto, ma in mezzo alla pappa la mangiava. Ama molto la pasta, in bianco e al pomodoro, a volte anche al ragù, ma va a momenti… Avendo un problema di acidità non posso esagerare con legumi e pomodoro.

Ho provato a fare delle polpette, un giorno le mangia volentieri, l’altro non le vuole nemmeno assaggiare.

Cerco di non ricattarlo dicendo "se mangi la ciccia dopo ti do la torta" (è abbastanza goloso!) perché so che non è corretto.

Come posso fare?


Grazie ancora.


Se il bimbo sta crescendo bene, è vivace e allegro, l’unica cosa da fare è smettere di preoccuparsi più di tanto per l’alimentazione e continuare a preparare cibi sani semplici e facilmente digeribili, evitare i fuori pasto e le sostituzioni con cibi non equivalenti così come bisogna evitare di dare al bambino l’idea che mangiando fa un piacere alla mamma o a chi gli da da mangiare promettendo dolci o quant’altro.

Il mangiare è una necessità per vivere, non un dovere di buona educazione o di obbedienza e quando un bambino, nonostante apparenti o reali capricci, continua a crescere bene in peso, vuol dire che quello che mangia gli è sufficiente per crescere e non bisogna insistere. Se in questo periodo non ama la carne, glie la darai sotto forma di ragù frullata o sminuzzata assieme al pomodoro oppure la sostituirai con pesce, uova, ogni tanto legumi e così via o semplicemente con qualche cucchiaino in più di parmigiano nella pasta o nella minestra.

Cerca di dargli ogni tanto dei cibi che possa da solo portare alla bocca senza difficoltà in modo che possa imparare ad autodeterminarsi, cioè pezzetti di prosciutto sul pane, pezzettini di pane spalmato con formaggio e così via. Dagli pure da mangiare quello che mangiate voi adulti se sano e cucinato in modo semplice: il bimbo ha quasi due anni ed è naturale che sia curioso di nuovi sapori e voglia partecipare ai pasti assieme agli adulti.

Un caro saluto, Daniela