Neonato in montagna e coliche

Dott.ssa buongiorno,

mio figlio ha 10 settimane e 4 giorni, fra 18 giorni fa tre mesi.

Ci sono problemi a portare un neonato in montagna? A che altezza può arrivare? Il viaggio in auto può essere controindicato?

Soffrendo il bambino di coliche mi chiedevo anche se la montagna andasse bene o se peggiorasse la situazione.

La ringrazio per la sua cortesia.


Nessun problema a viaggiare in macchina o con qualsiasi altro mezzo di trasporto che abbia, ovviamente, un minimo di confort, per il tuo bimbo: durante il viaggio dormirà beatamente cullato dalle normali vibrazioni di un’auto in movimento e ipnotizzato dal rumore sordo e continuo del motore.

In montagna, fino a circa 1.500 metri, solitamente non vi sono problemi di adattamento per un bambino, ma questo non significa che non si possa salire ulteriormente fino a 2000 metri, solo che, in tal caso, sarebbe bene farlo per tappe dopo alcuni giorni di acclimatamento ad altitudine minore.

Le coliche non risentono dell’altitudine, ma il clima montano potrebbe favorire il rilassamento e il sonno e in questo potrebbe essere di una certa utilità. L’altitudine ideale, comunque, sono i 900-1000 metri. I problemi di altitudine si possono manifestare con insonnia, nervosismo e inappetenza e passano dopo alcuni giorni.

Pertanto, se si programma un periodo di soggiorno molto breve, diciamo di una settimana, è meglio scegliere una altitudine inferiore, mentre se si soggiornerà per un mese o più, anche una quota superiore, dopo un po’, sarà ben sopportata.

Un caro saluto,

Daniela