Neolatte: latte promosso!

Gentilissima dottoressa,
il mio bambino ha quattro mesi e questo ultimo mese a causa della perdita del latte materno sono passata all’allattamento artificiale.
Il pediatra mi aveva prescritto il latte Nidina ma una volta andata in farmacia, la farmacista mi ha consigliato il Neolatte che detto da lei è uguale ma costa meno.
L’ho provato e mi sono trovata bene: Il bimbo lo gradisce, e’ cresciuto circa settecento grammi in un mese e soprattutto non ha problemi di stitichezza.
Qualche giorno fa sono andata alla visita di controllo e con mio dispiacere il pediatra mi ha detto che il neolatte è un latte scadente anche se il bimbo è cresciuto bene. Ora sono perplessa perche ho paura a cambiarlo con il Nidina che a detta da molte mamme provoca stitichezza quando con questo mi sono trovata così bene.
Secondo lei cosa dovrei fare? 
Perché poi questo latte dovrebbe essere scadente che tra l’altro si trova solo in farmacia?
La ringrazio fin d’ora.

Tranquilla,
il neolatte va benissimo per il tuo piccolo!
Qualsiasi latte per l’infanzia, al momento di essere immesso nei circuiti commerciali, deve assolutamente passare attraverso strettissimi controlli di qualità e deve essere conforme in tutto e per tutto alle rigide normative CEE.
Il Neolatte risponde perfettamente a tutte le caratteristiche dovute. Per di più contiene anche il bifidobatterio che è un ottimo probiotico, contiene ferro e tutte le vitamine regolamentari oltre alla taurina e altri aminoacidi raccomandati per il buon accrescimento dei bambini. Il nome meno conosciuto dipende dal fatto che non appartiene ai monopoli delle multinazionali ed è per questo che costa anche meno, per fortuna: è un po’ il discorso dei farmaci equivalenti, stesso principio attivo ma nome meno noto e costo inferiore, tutto qui.
Continua pure con questo latte, non stai sbagliando e la farmacista non ti ha dato un cattivo consiglio.
Un caro saluto,
Daniela