Mette le dita in bocca alla mamma


 

Gentile dottoressa,

le scrivo per porle una domanda, o meglio, per confermare una mia già consapevolezza a questo dubbio. Vado al sodo, sono mamma di due splendide bimbe, una di sei anni, che tra l’altro non mi ha mai dato nessun problema, e una di tre, che fin dai primissimi mesi, prima di addormentarsi mi mette le dita in bocca e cerca questo contatto in qualsiasi posto noi siamo, anche se è semplicemente in braccio a me e non ha sonno lei va dritto dritto in bocca con le sue manine.

Ho provato in tutti i modi ad evitare questa cosa ma inutile, io credo che sia un attaccamento morboso a me, c’è chi mi dice che è un vizio capriccioso suo, chi mi consola dicendomi passerà, ma dentro me, cuore di mamma, penso che lei continuerà.

Ritornando alla domanda, dottoressa, lei crede che le passerà questo "vizietto"? E perché ha sempre bisogno di questa azione sia per addormentarsi che quando è in braccio a me?Dimenticavo: lo fa solo con me.

Grazie, spero di essere stata chiara.

La bimba, quando era molto piccola, ha provato per caso, forse come un gioco, questo mettere le dita nella tua bocca: tu, divertita e intenerita, sei stata al gioco, la bimba ha provato piacere in questo contatto caldo e umido che, forse, le ha ricordato quello che provava prima di nascere visto che la sensibilità cutanea è spiccatissima nel feto e i recettori del tatto e della temperatura, sulla cute, si formano nelle primissime settimane di vita intrauterina (7°-8° settimana ) e il gioco è fatto: invece di essersi abituata al dito in bocca, nella sua bocca, si è abituata alle dita nella tua bocca. Una abitudine consolatoria, a mio avviso, innocua ma che dovresti farle scordare perché ormai la bimba è piuttosto grande.

Trova una scusa, inventa una storia che la convinca a non metterti più le dita in bocca, dille che hai un problema, una infezione da qualche parte che ti fa male, una scusa qualsiasi che possa convincerla. Se la bimba dovesse insistere, cerca di distrarla con calma e con pazienza, non aprire la bocca quando si avvicina con la mano ma non sgridarla.

Considera come se avesse il vizio del ciuccio e, secondo me, non avventurarti in eccessive elucubrazioni mentali sui motivi di questa abitudine. Per ulteriori approfondimenti, comunque, puoi sempre interpellare la psicologa.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone