Mangia poco a tre mesi



Salve,
lamia bambina ha 3 mesi e mezzo. Ha sempre mangiato regolarmente dalseno, stando attaccata almeno mezz’ora, ed è sempre cresciuta bene,anche se soffriva di reflusso. Da qualche settimana invece ho notatoche la bambina sta attaccata non più di 5 minuti, dopodiché simette a piangere e si agita e non ne vuol più sapere di attaccarsi.

Lefaccio fare il ruttino, ma se provo a riattaccarla piange disperata.Ho provato a fare la doppia pesata, e ho visto che mangia dai 30 ai70 gr massimo per ogni poppata, e nell’ultima settimana è cresciuta80 gr. Ho provato a tirarmi il latte dato che ne ho in abbondanza, marifiuta pure il biberon. Ho provato persino a darle il latteartificiale, ma niente. La mia pediatra mi ha detto che deve mangiare120 gr per 6 volte al giorno, ma non riesco perché se insistopiange.

Peròdevo dire che da quando mangia così poco non rigurgita più molto(almeno quello). Inoltre dorme pochissimo, al massimo 30 minuti e poista 3 ore sveglia. la notte sta tranquilla solo se la metto nellettone con me. da due giorni inoltre ha il nasino che cola e ilcatarro, e poco fa  ha fatto la cacca con delle macchiolineverdi. Inoltre, non so se c’entra qualcosa, ha la dermatite atopicanel visino che sto curando con il flubason, e da quando è nata hasempre un occhietto che lacrima.

Sperodi ricevere qualche risposta,

Cordialisaluti

Unsemplice raffreddore o un faringe arrossato in un lattante cosìpiccolo possono far perdere l’appetito e soprattutto possonopeggiorare un reflusso preesistente. Inoltre il catarro puòaccumularsi nell’orecchio medio e provocare un’otite catarralefastidiosa che può favorire vomito e inappetenza. Pertanto, prima dipretendere che la piccola finisca tutta la dose stabilita di latte,meglio curarla e aspettare che passi la forma di raffreddamento. Allepoppate scarse si può ovviare aumentando il loro numero, ma ilbiberon di solito, benché sia più facile da svuotare rispetto alseno, non piace ad un bimbo abituato al capezzolo, anche se contienelo stesso latte materno.

Pertantoio stabilirei esattamente il motivo del malessere della piccola -raffreddore, otite, reflusso.. – cercherei di curarlo, poi mioccuperei della quantità di latte che riesce a prendere ogni volta.L’occhio che lacrima dipende da una stenosi o ostruzione del canalelacrimale e si risolverà con i mesi oppure con un piccolo interventodisostruttivo niente affatto urgente prima del primo anno di vita ameno che la bimba non abbia spesso congiuntiviti batteriche apartenza da quell’occhio. Un caro saluto, Daniela


{loadpositionlegals}