Gravidanza e quinta malattia

Gentile Dottoressa,
sono alla 38 settimana di gravidanza. La scorsa settimana sono venuta a contatto con una persona che stava raccontando che alla propria figlia era stata diagnosticata la famosa "Quinta malattia".
Poiché ho letto che tale malattia è in realtà contagiosa prima che si manifesti, mi sono un po’ allarmata e ho chiesto al mio ginecologo se era il caso di effettuare qualche esame; lo stesso mi ha tranquillizzato dicendomi che non era necessario.
Lei cosa ne pensa?
La ringrazio anticipatamente per la risposta.
Nicoletta

Cara Nicoletta,
penso che il tuo ginecologo te lo abbia già spiegato: la quinta malattia, se contratta in gravidanza, può essere pericolosa e portare ad aborto attorno al quarto, quinto mese di gestazione, ma anche in questo caso solo in una percentuale bassa di casi, mediamente 10-15% secondo le statistiche. Dopo no. C’è anche da dire che spesso le donne, anche senza saperlo, hanno anticorpi contro questa malattia perché quando colpisce gli adulti può decorrere in forma o asintomatica o aspecifica con generici dolori articolari e febbricola. Affidati quindi, con tranquillità, al tuo ginecologo e rilassati in attesa del lieto evento.
Un caro saluto,
Daniela