Eccessiva lacrimazione occhio destro


Gentile dottoressa,

la mia bambina (cinque mesi tra una settimana) ha l’occhio destro spesso pieno di lacrime, anche in assenza di pianto.

Quando l’ho portata a casa dall’ospedale, subito dopo la nascita, l’occhietto in questione era gonfio e leggermente arrossato: ho fatto dei leggeri massaggini sulle palpebre chiuse, come ad aiutare le lacrime a convogliarsi nel dotto lacrimale… ogni tanto il gonfiore ricompariva…questo fino a un mesetto fa, adesso, invece, vedo, spessissimo, l’occhio pieno di lacrime, sia in casa che all’esterno, in assenza di luce o con la luce… questa mattina era in carrozzina, dormiva, al risveglio ho notato che ha faticato ad aprire l’occhio perché le lacrime lo avevano "appiccicato"…

Mi sembra che siano proprio lacrime, trasparenti e liquide, non dense o gialle.

Non so come comportarmi, non vorrei lasciar correre se si trattasse di un campanello d’allarme, io sono molto miope, ed ho avuto il piacere di conoscere gli ambulatori oculistici da molto piccola, per questo motivo probabilmente mi preoccupo molto della salute degli occhi di mia figlia.

Grazie mille per ogni consiglio che vorrą darmi, mi aiuterebbe moltissimo.

Buona serata

È molto probabile che il dotto lacrimale dell’occhio che lacrima sia ancora molto stretto oppure sia ostruito e che, per questo motivo, le lacrime, da quel lato, stentino a defluire nel condotto lacrimale che le convoglia nel naso e, accumulandosi nella parte iniziale del dotto, possano ogni tanto infettarsi e dar luogo a congiuntiviti o soltanto a muco più denso delle lacrime.

Il dotto lacrimale si può dilatare chirurgicamente, ma è presto per arrivare a questo provvedimento. Per ora ti consiglio di tenere sempre ben puliti gli occhi della bimba passandovi ogni giorno una garza sterile imbevuta di soluzione fisiologica procedendo, però, dal lato esterno dell’occhio verso il lato interno e non viceversa come si è soliti fare, in modo da rimuovere le lacrime che ristagnano allo sbocco del dotto lacrimale. Poi, ogni tanto, puoi praticare un massaggio ai lati del naso, cominciando dalla narice e, con movimenti rotatori, andando verso lo sbocco del dotto lacrimale, alla radice del naso. In questo modo praticherai un massaggio esterno lungo tutto il percorso del dotto lacrimale e le lacrime che vi si fossero accumulate potranno fuoriuscire verso l’occhio senza ristagnare con pericolo di infezioni.

Con calma, poi, farai una visita oculistica per capire cosa sarà più opportuno fare se la crescita della piccola non porterà miglioramenti.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone