Dubbi sulla varicella


Buongiorno gentile dottoressa, avrei due domandine sulla varicella.

Mia figlia di 5 anni ha avuto l’anno scorso la varicella ma in forma molto lieve, con poche bolle e poca febbre. Ora a scuola sua gira di nuovo la varicella: se la potrebbe riprendere di nuovo? Cioè, la varicella se presa una prima volta in forma “lieve” poi può riprendersi?

Mia figlia piccola di 2 anni se dovesse anche lei prendere la varicella (anche nel suo asilo ci sono molti casi), cosa le posso dare per alleviarle il dolore? L’Aciclovir?

La ringrazio dei suoi consigli.

La varicella può tornare?

Il virus Herpes Zoster, responsabile della varicella, lascia una immunità permanente, solo in rarissimi casi di deficit immunitario o di alterata funzionalità del sistema immunitario la malattia, dopo anni, potrebbe teoricamente ripresentarsi.

Come si contrae la varicella?

Il virus è intracellulare e, una volta infettato l’organismo, non ne esce più per tutta la vita potendo, a volte, ripresentarsi in modo sintomatico sotto forma di malattia da Herpes Zoster, o fuoco di sant’Antonio e mai più sotto forma di varicella. Quindi, la varicella si contrae attraverso un primo contagio esterno e può manifestarsi una sola volta nella vita (salvo rarissimi casi eccezionali), ma un soggetto che ha avuto la varicella può nuovamente presentare dei sintomi riferibili allo stesso virus della varicella, cioè l’Herpes Zoster, a causa di una reinfezione, cioè una riacutizzazione di virus che, dal momento della varicella in poi, sono sempre rimasti silenti nel suo organismo e non a causa di un contagio esterno.

Quindi la varicella può venire due volte?

Un soggetto affetto da Herpes Zoster, però, nella fase acuta della sua malattia, può essere contagioso e può trasmettere la varicella ad un soggetto che in passato non era mai stato contagiato da questo virus. Quindi, se un soggetto, adulto o bambino che sia, si ammala di varicella, vuol dire che prima di quel momento non era mai venuto in contatto col virus ed è stato contagiato da altri, mentre se un soggetto, adulto o bambino che sia, manifesta i sintomi dell’Herpes Zoster, vuol dire che, che se lo ricordi o meno, in passato è stato contagiato dal virus della varicella anche, magari, in forma quasi asintomatica, con talmente poche bollicine o altri sintomi da non essersi nemmeno accorto di averla presa.

L‘Herpes Zoster, quindi, non si trasmette come tale ma può contagiare un soggetto “vergine” e procurare la varicella e la varicella può trasmettersi ad un soggetto “vergine” procurando ugualmente varicella. Una varicella con poche manifestazioni esterne produce lo stesso grado di immunità di una varicella contratta in forma più grave: rarissimi sono i casi in cui la carica virale è stata talmente bassa e fugace da non riuscire a stimolare adeguatamente il sistema immunitario producendo una immunità perenne.

Vaccino per la varicella

Per quanto riguarda la bimba piccola, sei ancora in tempo per vaccinarla contro la varicella piuttosto che pensare a somministrarle Acyclovir; ma se non vuoi vaccinarla, qualora tu fossi assolutamente certa che sia stata contagiata da qualche altro bambino, l’Acyclovir dovrebbe essere iniziato non oltre otto, nove giorni dopo il presunto contagio o, al massimo, 24 ore dopo la comparsa della prima bollicina.

Il vaccino specifico, comunque, è protettivo dopo 20-30 giorni dalla somministrazione.

Un caro saluto, Daniela

Dubbi sulla varicella
3.8 (75%) 4 votes


Condividi se ti è piaciuto!

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.