Dimensioni del ciuccio


Buongiorno,

io ho un dubbio che mi fa pensare parecchio ultimamente. La mia bambina di 10 mesi e mezzo prende il ciuccio alcune volte al giorno, più che altro per addormentarsi.
Usa ancora la prima misura della Chicco. Non gliel’ho mai cambiato su indicazione della farmacista, che a suo tempo mi aveva detto che faceva meno danni continuare a usare quello piccolo. Avevo accennato la cosa alla pediatra, che ci era velocemente passata sopra ironizzando sul fatto che "..cosa voleva dire che un bambino più grande ha bisogno di un ciuccio più grande?..".
Ultimamente però ho molti dubbi in proposito e sto pensando di prenderne uno almeno 4+, se non il 12 mesi addirittura.

Ho notato che i due dentini sopra in centro sono distaccati tra loro, può centrare il fatto di usare un ciuccio troppo piccolo?
Grazie della gentilezza,
Saluti

Il diastema tra i due incisivi da latte non deve essere preso in considerazione ora, prima dell’eruzione della dentatura definitiva e prima ancora che siano spuntati tutti gli altri dentini e tra l’altro si tratta di una evenienza para fisiologica nei lattanti con dentatura decidua, utile per favorire un corretto allineamento dei denti definitivi, più grossi di quelli da latte che, al momento della loro eruzione, potrebbero non trovare posto sufficiente se i dentini da latte fossero tra loro troppo uniti e ravvicinati. Tra l’altro, non potendoli vedere direttamente, non so se vi è un particolare ispessimento del frenulo o una sua attaccatura anomala sul mascellare superiore o qualsiasi altro motivo che porti come conseguenza l’allontanamento tra loro dei due incisivi mediani.

Il problema del ciuccio, a mio avviso, è un falso problema, in quanto i danni estetici al palato e all’arcata dentale che può provocare, più che alla sua forma e alle sue dimensioni, dipendono dal tempo complessivo della sua permanenza in bocca, sia durante le 24 ore che nel corso dei primi mesi ed anni di vita.

Se, infatti, un ciuccio viene utilizzato per non più di un quarto d’ora dopo ogni poppata oppure soltanto al momento dell’addormentamento due o tre volte al giorno e non viene tenuto costantemente in bocca tra una poppata e l’altra o tra un pasto e l’altro, piccolo o grande che sia, allungato o a ciliegina, anatomico o meno, deformazioni particolari alle arcate dentali o al palato non ne procurerà, soprattutto se verrà eliminato attorno al secondo, massimo terzo anno di vita. In linea di massima si dovrebbero preferire ciucci con tettarella di forma allungata e sottile oppure di forma anatomica con parte superiore appiattita per non comprimere in modo particolare il palato ma, ripeto, si tratta di dettagli, a mio avviso, di poco conto. Un parere più approfondito, comunque, ti potrà essere fornito dal dentista o dall’ortodontista.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone