Diarrea persistente a otto mesi e mezzo

Buonasera,

sono la mamma di una bambina di 8 mesi e mezzo che ha la diarrea da due settimane. Inizialmente ho provato una dieta di latte Aptamil HN25, Reuflor, e pappa con brodo di solo carote o patate e crema di riso e parmigiano, ma la diarrea non si arrestava.

L’ho portata dal pediatra che mi ha fatto fare l’esame delle urine con sedimenti e l’esame delle feci e siccome gli sono usciti degli eczemi sospetta un’intolleranza alle proteine del latte, quindi latte Aptamil Soya2 e pappa con carne di agnello, cavallo e coniglio. Questa dieta la sta facendo da due giorni, ma ha ancora le scariche. Cosa devo pensare?

La ringrazio.


 


Bisognerebbe sapere che aspetto hanno le scariche diarroiche della bimba, cioè se sono acquose oppure mucose, quante volte va di corpo al giorno, se ha febbre o altri sintomi extra intestinali, se ha dolori addominali e così via. Inoltre bisognerebbe conoscere l’esito degli esami urine e feci per potersi pronunciare.

Potresti mettere la bimba a dieta idrica, cioè soltanto del tè dolcificato con glucosio, cioè con Dextropur, per alcune ore saltando almeno un pasto, poi riprendere l’alimentazione con estrema gradualità aggiungendo crema di riso nel tè, poi dando mezza banana, poi preparando una crema di riso, cioè farina di riso precotta diluita in acqua dove hanno bollito delle patate pelate e tagliate a pezzettini, senza carota, aggiungendo, poi, un liofilizzato di carota direttamente nella crema di riso più un cucchiaino di olio extra vergine di oliva oppure di mais (olio cuore), senza aggiunta di parmigiano; nei pasti intermedi, cioè merenda e spuntino della mattina, potresti dare mezza banana schiacciata con un cucchiaino di crema di riso e un po’ di glucosio e a cena, come a pranzo, crema di riso.

Reuflor va sempre bene. Dopo uno o due giorni di questa alimentazione, diciamo, elementare, si può aggiungere un po’ di patata lessata schiacciata nelle pappe e mezzo liofilizzato di agnello o coniglio per poi aumentare gradualmente la quantità fino ad un liofilizzato intero.

La banana può essere affiancata a un pezzo di mela grattata. Poi a colazione e a merenda si può introdurre il latte HN25 al posto del solito tè con crema di riso oppure, come hai già fatto, tutti i pasti potrebbero essere costituiti da HN25, sia sotto forma di latte liquido, sia sotto forma di pappa cremosa, in questo caso, diluendo la polvere HN25 con metà dose di acqua.

Nessuna terapia particolare prima delle risposte delle analisi eseguite. Durante i giorni di dieta stretta i liquidi non devono mai mancare (acqua, camomilla in sacchetti e non granulare, tè deteinato sempre in sacchetti, ecc.) dolcificando con Dextropur e non con zucchero normale, cioè saccarosio.

Comunque i consigli del tuo pediatra sono assolutamente da condividere e non ci sarebbe molto da aggiungere in attesa delle risposte delle analisi.

Un caro saluto, Daniela

Condividi
Articolo precedenteDolori agli arti inferiori
Articolo successivoEpidurale
mm
Medico chirurgo specializzato in Pediatria e Neonatologia con lunga esperienza Ospedaliera.