Dermatite atopica o seborroica?

 

Buongiorno dottoressa.

La ringrazio per la risposta sul peso, ora avrei un’altra domanda. Quando ho fatto la visita dal pediatra a un mese dalla nascita il bambino aveva i classici brufoletti da ormoni miei nel latte, niente di grave: il pediatra disse che sarebbero passati presto.

Però con l’andare dei giorni, i brufoli sono stati sostituiti da pelle rossissima, ruvida e secchissima sulle guance, orecchie, mento e collo. Poi sul petto e pancia è pieno di puntini rossi. Niente in testa e zona pannolino. Dice che dermatite atopica? ma così presto? ora ha solo sei settimane. Come posso fare per farlo guarire?

Saluti, Silvia

La diagnosi differenziale tra dermatite atopica e dermatite seborroica deve essere fatta con precisione perché se entrambe si giovano di prodotti emollienti per rendere meno secca e squamosa la pelle, nel caso della dermatite atopica, nei momenti di maggiore evidenza delle chiazze rosse si può ridurre l’infiammazione con cortisone per uso topico, nel caso della dermatite seborroica, pur essendo spesso anche prescritto, non servirebbe moltissimo.

Benché la dermatite atopica non sia sempre influenzata dall’alimentazione materna (in caso di allattamento al seno), una riduzione di latte e latticini potrebbe in parte influenzare il problema e tentar non nuocerebbe, almeno per alcuni giorni.

La dermatite seborroica, di solito, compare prima della dermatite atopica, ma quest’ultima può tranquillamente iniziare nel secondo mese di vita anche se l’epoca classica della sua comparsa sono i tre, quattro mesi. Essa, di solito, però, risparmia il mento e le pieghe del collo, che sono sedi più tipiche della dermatite seborroica. Quindi, in linea di massima, secondo me si tratta di semplice dermatite seborroica, ma la certezza, ovviamente, senza vedere il bimbo non posso averla.

Dovresti pulire la pelle del bimbo con un olio delicato e emolliente come olio vea o olio di mandorle dolci e, magari, applicare una crema all’ossido di zinco. Ma questi sono consigli generici perché solo chi può vedere e visitare il bimbo è in grado di arrivare ad una diagnosi differenziale precisa.

Su questo argomento è già stata data una risposta piuttosto approfondita in passato e ad essa ti rimando per non ripetermi troppo spesso.

Un caro saluto, Daniela