Cura antibiotica ravvicinata in un caso di otite

0
232

 

Buongiorno,

sono Valeria la mamma di Tommaso un bambino di 3 anni che frequenta la materna. Da circa 3 settimane ha un raffreddore che poi da 10 giorni è diventata otite che ho curato per 6 giorni con amoxicillina ma dopo un giorno si è di nuovo lamentato l’ho portato a visitare è ha detto che non è ancora guarito bene quindi mi ha prescritto amoxicillina con acido clavulanico per altri 6 giorni, ma sono molto scettica nel somministrarglielo cosi vicino all’altra cura.

Secondo lei è il caso di curarlo ancora con antibiotico?

La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.

Il pediatra che ti ha prescritto questa cura ha seguito la via corretta e io mi sarei comportata nello stesso modo. Gli antibiotici hanno difficoltà a concentrarsi nei tessuti dell’orecchio e spesso sono necessari molti giorni di terapia per avere ragione di una otite batterica. L’amoxicillina è l’antibiotico di prima scelta in questi casi ed è previsto che venga sostituita dall’amoxi più acido clavulanico o da altro antibiotico statisticamente, però, meno spesso efficace, se anche questo dovesse fallire.

Le otiti batteriche, purtroppo, sono una brutta gatta da pelare: spesso dovute a pneumococco, la vaccinazione di massa dei bambini nei confronti di questo batterio è fortemente consigliata anche per la prevenzione delle otiti oltre che per le meningiti da pneumococco o le complicazioni polmonari batteriche dopo una forma virale di tipo influenzale.

Segui, quindi, con serenità i consigli del tuo medico curante.

Un caro saluto, Daniela

Cura antibiotica ravvicinata in un caso di otite
Vota questo articolo

Condividi
Articolo precedentePoliabortività
Articolo successivoAll’asilo digiuna
mm

Medico chirurgo specializzato in Pediatria e Neonatologia con lunga esperienza Ospedaliera.