Cresce meno dopo una mastite

Gentilissima Dottoressa,

sono un po’ preoccupata per il mio piccino che ha due mesi. Lo allatto esclusivamente al seno e fino a quest’ultima settimana è cresciuto sempre 200 gr. Questa settimana, però, è cresciuto solo 50 gr. A me sembra che abbia sempre mangiato come al solito. È normale che ci siano questi sbalzi di crescita?

Negli ultimi due giorni ho usato il tiralatte e gli ho dato il biberon perché ho avuto una mastite e oggi sembra non voglia più il seno. Sono molto preoccupata e non vorrei perdere il latte perché lui non vuole attaccarsi.

La ringrazio anticipatamente.


 

Se hai dovuto assumere antibiotici per la mastite, questi possono aver ridotto momentaneamente la produzione di latte e avergli conferito un sapore sgradito. Se hai dovuto usare il tiralatte, questo non svuota la mammella completamente come fa la suzione del bambino e l’incompleto svuotamento della mammella non stimola a sufficienza la produzione di nuovo latte. Se il bambino ha provato la tettarella e il biberon si sarà forse abituato ad un tipo di suzione diversa e meno faticosa di quella al seno e potrebbe essersi impigrito.
Una crescita di 50 gr in una settimana è poco, ma anche una settimana è poca per tirare conclusioni. Allora armati di santa pazienza e soprattutto di molta fiducia e attacca il tuo bimbo al seno ogni due ore e mezzo-tre sia di giorno che di notte (se non dorme, ovviamente). Offrigli sempre tutti e due i seni e bevi moltissimi liquidi non gasati e non preconfezionati (anche tre litri al giorno).
Prepara litri di tisana ai semi di finocchio e di quella galattagoga dela Weleda o altra marca conosciuta e seria. Bevi anche birra analcolica, se ti piace. Mangia  chili di finocchi, sia cotti che lessi o al forno. Ritagliati momenti di sonno e di riposo in posizione sdraiata varie volte al giorno, ascolta musica che ami (come fanno le mucche delle stalle d’avanguardia) e non dare "troppo peso al peso" del tuo bimbo: controlla solo che cresca bene in lunghezza, almeno per dieci-quindici giorni. Se il tuo bimbo non chiede di mangiare più frequentemente di ogni due ore e mezzo-tre, si dimostra sazio dopo la poppata, anche se solo per breve tempo, bagna il pannolino almeno 6 volte al giorno in maniera apprezzabile (lo puoi valutare pesando il pannolino), ha scariche di aspetto normale, cioè giallo oro e non schizzetti verdastri tipici delle feci da fame, procedi così indipendentemente dallo scarso accrescimento: fra 10-15 gg rivaluterai la situazione.
Se invece  piange in continuazione anche dopo aver poppato, non rispetta nemmeno le due ore e mezzo circa tra una poppata e l’altra, si sveglia spesso anche di notte mentre prima non lo faceva, fa poca pipì e poche feci ed è sempre scontento, non ti resta che dargli un’aggiunta di latte artificiale, con modalità che valuterai al momento.
Se il tuo bimbo ha già compiuto due mesi ed è entrato nel terzo, può crescere anche meno di prima, ma almeno 500-600 gr al mese è giusto che li prenda, visto che finora è cresciuto benissimo, si, ma non poi esageratamente. 
Ricorda comunque che finché cresce in lunghezza, anche se non in peso o pochissimo in peso, non c’è mai una fretta eccessiva nel dare l’aggiunta: meglio un bimbo un po’ più magro ma con allattamento al seno recuperato che un bambino bello cicciottello con latte artificiale precoce.
In bocca al lupo,
Daniela