Circonferenza cranica eccessiva?

Gent.le Dott.ssa,

le scrivo perché sono una giovane mamma di uno splendido bimbo di 4 mesi, siamo stati a controllo dalla nostra pediatra e ora siamo pieni di dubbi e paure.
Il mio bimbo pesa 5.650 kg, è lungo 61 cm, e ha una circonferenza cranica di 42.5 cm… a me sembra un bimbo sanissimo… ma la pediatra stamattina ha parlato di rachitismo, di testa troppo grande…

Dopo aver detto tutte queste cose ha cercato di tranquillizarmi dicendo che fra un mese dopo un altro controllo vaglieremo l’idea di fare un’ecografia… premetto che (anche a detta della pediatra) il bimbo è vispo, molto reattivo agli stimoli, ha un ottimo senso della marcia… la fontanella non è bombata e non è pulsante… ma allora perché tutte quelle informazioni non troppo rassicuranti? Sono piena di timori.

Le fornisco i dati del mio bimbo alla nascita:
peso 3.000 kg lunghezza 49 cm c.c 36
I mese: 4.000 kg lunghezza 53 cm c.c 37.5
II mese : 4600kg lunghezza 56 cm c.c 39
III mese : 5140 kg lunghezza 60 cm c.c 41
Iv mese : 5.650 kg lunghezza 62 cm c.c  42.5.

Le metto anche le misure di noi genitori:
padre 82 kg  187 cm  c.c 57.7
madre 59 kg  165 cm   c.c 54
La ringrazio anticipatamente
Sperando che riesca a sollevare e dissipare i miei dubbi.
Cordiali saluti

Barbara77

Peso e altezza del tuo bimbo sin dalla nascita sono pressoché rimasti sullo stesso percentile e così è per la circonferenza cranica benché quest’ultima, anch’essa sin dalla nascita, fosse su un percentile superiore rispetto a peso e altezza. Quindi a mio avviso il bimbo è solo un bel capoccione, come si dice a Roma, e non mostra segni di crescita squilibrata e disarmonica tra peso, altezza e scheletro se non per un divario, a mio avviso solo costituzionale, tra il percentile sul quale si è sempre collocata la testa e quello di peso e altezza.

Certo, la circonferenza cranica di voi due genitori, ammesso che sia stata misurata nel punto di massima ampiezza, non è eccessiva, cioè il piccolo non assomiglia a voi da questo punto di vista, ma forse in famiglia c’è qualche nonno con testa un po’ grossa al quale magari il bimbo assomiglia anche per altre fattezze come colore degli occhi o dei capelli, ecc. Sarebbe anche utile conoscere la circonferenza toracica del bimbo per valutare bene la sua costituzione, la larghezza dei suoi polsi, la grandezza di mani e piedi e così via. Senza conoscere il bimbo e senza poterlo vedere non posso formarmi una idea obiettiva.

In ogni caso i segni di rachitismo, anche se non sempre presenti sin dalla nascita, possono essere, si, un cranio piuttosto sviluppato, ma vi può essere ritardo di chiusura della fontanella – difficile da valutare a soli 4 mesi -, difetti di ossificazione delle cartilagini di accrescimento, a volte rosario rachitico, cioè protuberanze a livello della giunzione tra costola e sterno, petto scavaro, e, a volte, sintomi riconducibili a tetania, cioè possibilità di provocare contrazioni e tremori o clonie provocando determinati riflessi tendinei. Ad una radiografia la mineralizzazione ossea risulta ridotta, vi può essere deformazione del femore o della tibia, si formano le caratteristiche protuberanze frontali.

Ma anche se fosse ancora troppo presto per la manifestazione obiettiva di tutti questi sintomi, una analisi del sangue dirimerebbe ogni dubbio – livelli dei metaboliti della vitamina D ridotti, fosforo basso, calcio più o meno nella norma, fosfatasi alcalina alta e alterazioni urinarie. La somministrazione di vitamina D risolverebbe il tutto in brevissimo tempo. Pertanto, se questo dubbio dovesse persistere, meglio toglierselo con alcune semplici analisi ed eventualmente, se confermato dai risultati, iniziare al più presto la terapia.

Un caro saluto, Daniela

 

Condividi
Articolo precedenteMontegen compresse
Articolo successivoCrinone gel e prurito
mm
Medico chirurgo specializzato in Pediatria e Neonatologia con lunga esperienza Ospedaliera.