Arresto di crescita in altezza

Gentile Dott.ssa,
le scrivo per avere un consiglio.
Il mio bambino compirà tre anni il 31 di marzo e in un anno è cresciuto solo di un centimetro e mezzo mentre è ingrassato di quasi 2 chili e 400 grammi.
Il pediatra mi ha consigliato di fargli delle analisi del sangue poiché ha avuto nell’arco di un mese due episodi di diarrea, il primo però legato presumibilmente all’assunzione di antibiotici ed il secondo causato da un virus diffusosi al nido.
Il sospetto era che si trattasse di celiachia ma dalla ricerca di anticorpi anti gliadina risulta che ha un indice IgG pari a 15,0 U/ml ed un indice IgA negativo.
Alla luce di quanto espostole, è necessario ripetere le analisi?
Devo preoccuparmi per lo scarso accrescimento del bimbo in altezza? Le specifico che il bambino ha avuto in precedenza problemi di reflusso ora superati, che ad ottobre ha avuto la varicella e che in questi mesi non si è fatto mancare nulla in termini di raffreddore, febbre e quant’altro.
La saluto cordialmente ringraziandola in anticipo.

Non posso risponderti in modo esauriente perché non mi dici quanto è alto.
Posso solo dirti che all’età del tuo bimbo crescere in peso due chili e mezzo in un anno è corretto.
La crescita in altezza dovrebbe essere di 7-8 cm poco più poco meno.
Esclusi errori di misurazione, sempre possibili se il bimbo si muove e non collabora, non resta altro da fare che valutare in che percentile si trovano peso e altezza: se sono comunque nella fascia di normalità si adotta un atteggiamento di attesa e si rimisura il bimbo ogni tre mesi giudicando il tutto dopo due o tre controlli, cioè dopo sei, nove mesi o poco meno; se, invece, l’altezza dovesse avere uno scarto importante rispetto al peso e attestarsi su percentili non più "normali" per l’età, tenuta conto anche la statura dei rispettivi genitori, allora si imporrebbe un controllo in un buon centro di auxologia.
Di più non posso proprio dire.
Un caro saluto,
Daniela