Alimentazione neonato

0
141
Gentile dottoressa,
sono la mamma di una bimba di quasi tre mesi (fra una settimana).
Premetto che Agata stabene, è una bimba felice e attiva, ma dalla nascita mi ha dato problemiper quanto riguarda l’alimentazione.
Alla nascita (parto naturale a 39 sett+5gg) pesava 2660 kg ed era alta 49 cm.
I primi due mesi hainiziato a prendere peso in modo regolare, anche se la prima settimanaho avuto difficoltà ad attaccarla per via delle ragadi e dell’utilizzodel para capezzolo che ho smesso dopo una sett circa. In seguito haavuto problemi di vomito, ma cresceva in modo costante. Il vomito vamolto meglio, ora pesa circa 4770, ma cresce in maniera poco costante,alcune settimane è cresciuta meno di 100 g.
Visto anche che ogni tantofa fatica ad attaccarsi al seno, piange e lo rifiuta o si stacca subito(perché ho poco latte o per via del mal di pancia forse) il pediatra miha suggerito di provare ad integrare dalla terza poppata (ne fa circa6) con 60 g di latte AS. Agata infatti non ha un intestino ancoraregolare e se sta alcune poppate senza fare la cacca si lamenta e nonsi attacca volentieri al seno (il pediatra mi ha spiegato che è per viadel latte che le fermenta nello stomaco e che non riesce ad espellere).
Anche se questa settimanail peso è aumentato sto provando a darle un paio di volte al giorno ilbiberon (poppata pomeridiana e serale), per abituarla visto che noncredo di avere molto latte e che mi piacerebbe che in futuro imparassead usarlo.
Lei però lo rifiuta constrilli e pianti, è più di una settimana che provo, mi chiedo se facciobene o no a insistere, Agata ha sempre fatto fatica ad abituarsi aicambiamenti (all’inizio non voleva attaccarsi al seno, poi non volevail ciuccio…), quindi spero sia una fase di passaggio, ma mi dispiacevederla arrabbiarsi per mangiare.
cosa mi consiglia?
La ringrazio,
Marta
Marta
Lascia perdere le aggiuntedi latte artificiale e smetti di pesare la bimba così spesso. Attaccalaal seno quando lo desidera, sei o sette poppate che siano, non haimportanza e se, dopo la poppata, la vedi sazia e tranquilla con unarichiesta di poppata successiva solo dopo due ore e mezzo, tre ore oanche più. Non ti preoccupare della quantità del tuo latte e pesalasoltanto una volta al mese.
La tua bimba non è motogrossa e le sue esigenze nutrizionali possono essere inferiori a quelledi un altro bambino della stessa età che, alla nascita pesava, magari,3.500 gr o più.
Per regolarizzarel’intestino prova a fare l’esperienza del massaggio infantile regolare(puoi seguire un corso poi fare da sola) e non ti porre problemi piùdel necessario. Quando il tuo latte non sarà più sufficiente, la bimbastessa te lo farà capire molto chiaramente. Osserva la sua modalità disuzione: a volte le ragadi dipendono da un modo sbagliato che ha ilbambino di attaccarsi al seno. Quando un bambino succhia al seno, tuttal’areola mammaria deve essere contenuta tra le labbra e deve sparire inbocca, non deve esserci soltanto il capezzolo tra le labbra. Valuta,assieme al pediatra, se l’agitazione della bimba dipendesse, magari, daun reflusso gastroesofageo.
Un caro saluto, Daniela
Alimentazione neonato
Vota questo articolo