Aerosol e fluspacer


Buongiorno,

il mio bambino di 28 mesi soffre spesso di raffreddore/mal di gola e conseguente tosse. A volte il pediatra ci prescrive aerosol mattina e sera con 1 fiala di aircort o forbest + 2 ml di fisiologica. Altre volte invece 2 puff di fluspiral con distanziatore fluspacer.

Può spiegarmi la differenza? quale è il più efficace. Il bambino fa volentieri gli aerosol con mascherina, il problema è la tempistica al mattino…
Si potrebbe fare al mattino fluspacer e alla sera che non c’è fretta per andare al nido fare l’aerosol?

La ringrazio per la Sua risposta.

Distinti saluti

In realtà si tratta di terapie sostanzialmente analoghe a base di cortisonici e credo che sia necessario fare un po’ di chiarezza. Aercort,nome commerciale del budesonide, è un cortisonico da usare esclusivamente localmente che ha un effetto piuttosto lento e di solito èefficace a lungo termine nei soggetti francamente asmatici come preventivo di attacchi d’asma molto frequenti, difficile pensare di utilizzarlo come sintomatico e per di più in un semplice raffreddore senza componente asmatica.

Esiste una formulazione con erogatore tipo puff e non mi sembra necessario utilizzarlo nell’aerosol. Unito al forbest, nome commerciale del flunisolide, cortisonico che si utilizza con aerosol ma solo di tipo meccanico e non con apparecchio ad ultrasuoni, potrebbe avere più senso in quanto l’effetto del flunesonidesembra essere più rapido. Ma il forbest non è consigliato nei bambini sotto i 4 anni.

Il fluspiral è anch’esso un cortisonico impiegato nei soggetti asmatici, ma è più specifico come preventivo che come sintomatico, un po’ come l’aercort, anche se il suo effetto terapeutico inizia a manifestarsi anche dopo sole 12 ore dall’inizio delle somministrazioni.

Tutti questi cortisonici sono da somministrare due volte al giorno, pertanto, visto che se il bambino collabora bene l’aerosol con fluspacer è efficace quanto l’aerosl tradizionale, io opterei per il sistema fluspacer di mattina e, se vuoi, l’aerosol la sera, ma a questo punto perché no 2 volte fluspacer con un unico farmacosia di mattina che di sera? Ma poi, è proprio necessario somministrare ad ogni raffreddore un cortisonico che, oltre, ovviamente, a ridurre i sintomi soggettivi fastidiosi della congestione delle prime vie respiratorie, inibisce anche le difese immunitarie localmente?

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone