Acetone?

 

Salve Dottoressa,

 

Marta, 5 anni ad agosto, da sabato sera ha febbre. Lunedì visita dal pediatra e diagnosi di scarlattina, prescrive il macladim (poi modificato in claritromicina generico perché il macladim non c’era).

 

Lunedì sera, la prima dose di antibiotico viene vomitata, è particolarmente sgradevole da assumere, da martedì cominciamo finalmente ad assumerlo come si deve.

 

In tutto questo, mentre lunedì la febbre sembrava scemare, da ieri si mantiene sopra i 38 con picchi di 39.

 

È normale? il pediatra dice che potrebbe essere acetone. Le chiedo uno dei suoi preziosi pareri.

 

 

 

 

 

La febbre può essere in parte la causa dell’acetone e dei sintomi correlati come vomito, stato di malessere, dolori addominali, ecc., tanto più che con la febbre i bambini spesso restano digiuni, ma non è l’acetone a dare febbre.

 

Sono passati alcuni giorni dall’inizio dei sintomi della bimba, quindi penso che sia già guarita. In ogni caso la forte infiammazione alle tonsille tipica della scarlattina può provocare il vomito senza pensare che dipenda dal tipo di antibiotico somministrato e la scarlattina provoca febbre che dura di solito dai tre ai sei giorni anche se una corretta terapia antibiotica comunemente la riduce o la fa sparire in pochissimi giorni.

 

Se la bimba dovesse ancora stare male potresti pensare di sostituire il macladin o claritromicina con l’amoxicillina, ma questo è il tuo pediatra che deve stabilirlo. Oltre alla terapia antibiotica, fai bere molto la bimba ed elimina i grassi dalla sua alimentazione. Dalle del tè o della camomilla zuccherati, un po’ di coca cola, succhi di frutta, gelati alla frutta privi di crema o uova o panna, poi cereali in quantità e solo dopo carne banca o pesce.

 

Il latte sarà quantomeno parzialmente scremato e può essere sospeso per alcuni giorni. La terapia antibiotica dovrà essere opportunamente prolungata e per il resto si deciderà giorno per giorno in base alle condizioni della bimba.

 

Un caro saluto, Daniela

 

 

 

Condividi
Articolo precedentePeso eccessivo
Articolo successivoInappetenza e rigurgiti
mm
Medico chirurgo specializzato in Pediatria e Neonatologia con lunga esperienza Ospedaliera.