A nove mesi prende solo il mio latte

 

Gentile dottoressa,

mia figlia ha 9 mesi e prende il latte materno. Ho iniziato a svezzarla a 6 mesi con i liofilizzati: un’impresa ardua perché non è molto interessata al cibo e spesso mi faceva buttare la pappa. Poi sono passata agli omogeneizzati, le ho fatto provare carne, pesce, verdure, sugo al pomodoro ,formaggio (sempre nei vasetti) e qualche volta il cibo nostro, come la pastina con la zucca, ad esempio.

Però la situazione è migliorata di poco, ho buttato tantissimi vasetti e di conseguenza tanti soldi, la piccola sembra voglia solo la tetta. Inoltre, ora che sta mettendo i primi dentini, il cucchiaino me lo rifiuta proprio,  che posso fare? Già non mangia la frutta perché non le piace. E se le propongo sapori diversi? O aspetto la fuoriuscita dei denti per farla mangiare? Mi hanno consigliato pure di darle il cibo a pezzetti, ma senza denti ho paura possa soffocare.

La ringrazio in anticipo.

Non ti preoccupare: prima o poi arriverà anche per la bimba la curiosità per gli altri cibi. Quello che puoi fare ora è cominciare a regolarla in quanto ad orari di poppata (non so se lo stai già facendo), stabilendo al massimo cinque pasti al giorno con orario piuttosto regolare.

A metà mattina, dopo circa tre ore dalla primo poppata, prova a darle un po’ di frutta, che potrai tu stessa grattare od omogeneizzare o frullare: metti mela pera e banana con qualche cucchiaino di succo di arancio (facoltativo) e una puntina di miele oppure un cucchiaino di biscotto granulato per addolcire. Lascia che mangi quello che vuole di questa frutta, ma la quantità media dovrebbe essere una sessantina di grammi, cioè una tazzina da caffè.

A mezzogiorno, senza averla prima attaccata al seno, prepara un po’ meno di 150 gr di brodo vegetale con carota e patata più 30-40 gr di carne bianca che avrai cotto a vapore già tagliata a pezzettini e avrai frullato o omogeneizzato assieme a qualche cucchiaio di passato di carota e patata. A tutto ciò puoi far cuocere un cucchiaio e mezzo di semolino o pastina, più un cucchiaino di olio e uno di parmigiano. Non ti preoccupare delle quantità che la bimba può mangiare: se non finisce il suo piattino, la attaccherai al seno.

Di pomeriggio altro latte materno e di sera altra pappa con formaggino oppure con ricotta di mucca o semplicemente con 4-5 cucchiaini di parmigiano, più i soliti cereali, olio, parmigiano. Se non finisce la pappa la attaccherai al seno e prima di dormire, se lo chiede, altro seno, altrimenti nulla.

Non comprare più nulla di farmacia. Utilizza carne bianca o rossa fresca magra cotta a vapore e frullata, frutta fresca grattugiata o frullata e semolino o pastina da cuocere. Al massimo qualche fiocco di cereali precotti per emergenza quando hai poco tempo.

Piano piano arricchisci il brodo vegetale con altre verdure, inclusi i legumi e alterna il brodo vegetale con brodo di carne preparato con pezzi di carne molto magri, fatti ben cuocere per più di un’ora in acqua già bollente, di modo che la carne, che potrai aggiungere frullata al brodo precedentemente filtrato e sgrassato, non perda tutte le sue sostanze nell’acqua di cottura.

Due o tre volte a settimana sostituirai la carne con i legumi e una o due volte, se alla bimba piace, darai il pesce, preparato come la carne. Per invogliarla a masticare puoi dare in mano alla bimba un pezzo di pane che non si sbricioli o un biscotto primi mesi che, invece, si scioglie in bocca.

La voglia di masticare e di assaggiare nuovi cibi va di pari passo con la dentizione: se la tua bimba è un po’ in ritardo con i dentini lo sarà anche con la voglia delle pappe.

Un caro saluto, Daniela