informazione....

...linee, punti, sfere, in essere e in divenire
misetta

informazione....

Messaggio da misetta »

vi sembrerà una domanda sciocca e forse senza logica ma io ho 27 anni e anche se sto vivendo una delle più belle gravidanze al mondo ( nel senso che se non fosse per la pancia che cresce neanche me ne accogerrei) e sono "solo" a quasi 22 settimane... più penso al momento del parto più mi sento terrorizzata.... :occhiodibue:
la mia domanda è: ma io, in anticipo posso scegliere se fare il parto naturale o il cesareo?
quali sono i vantaggi dell'uno e dell'altro?
sono scema vero? aiutoooooo che pauraaaaa:scared:

grazie a tutte


Avatar utente
stefyna77
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3806
Iscritto il: mer ott 17, 2007 3:37 pm

Messaggio da stefyna77 »

qui da noi il cesareo lo fanno solamente se ci sono motivazioni fisiche o problemi di salute che non permettono il parto naturale (oltre ovviamente ad eventuali complicazioni...)

devi parlarne col tuo ginecologo,
ma dubito che così "a scatola chiusa" se non ci sono problemi , acconsenta al cesareo..al massimo puoi chiedere l'epidurale per non sentire dolore..

IO ho fatto due parti naturali bellissimi e non cambierei per niente al mondo :-)
misetta

Messaggio da misetta »

credo che sia così un pò ovunque ma mi chiedo come mai...
non so perchè mi sta prendendo brutta così... quando ci penso vivo attimi di puro terrore.... passerà?
Avatar utente
Lupina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5906
Iscritto il: mer mar 19, 2008 10:45 pm
Contatta:

Messaggio da Lupina »

Il cesareo è un'operazione chirurgica in piena regola, con tanto di punti di sutura e fasci muscolari recisi, dolori da aderenze e tutte le complicanze del caso.
Col parto naturale non è che ci si diverta come pazze, però dopo torni come prima e sei subito in piedi.

Esiste la possibilità di partorire in analgesia, ovvero come ti consigliavano le altre mamme puoi richiedere l'epidurale: ti consiglio di contattare l'ospedale in cui partoriai ed informarti su quali siano le procedure per ottenerla.
Avatar utente
Lupina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 5906
Iscritto il: mer mar 19, 2008 10:45 pm
Contatta:

Messaggio da Lupina »

Misetta, non voglio illuderti: partorire non è come andare a mangiare un gelatino sul lungomare. Se però ci arrivi tranquilla, in forma, pronta ad affrontare un dolore SANO e portatore di vita, io penso che potrà anche essere un'esperienza soddisfacente.

Io ho partorito il mio primo figlio in 3 ore. Non farti spaventare da chi parla di parti interminabili per le primipare.
Vai tranquilla.
Avatar utente
nanà
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7359
Iscritto il: dom dic 07, 2008 4:35 pm

Messaggio da nanà »

ognuna di noi vive il parto in maniera diversa,a volte sentire i racconti degli altri puo consolare ma anche essere deviante...
ti posso dire che io nn ero mai entrata in ospedale,ne punti,ne ricoveri ed ero terorizzata piu da questo che dal parto,dicevo sempre che è un esperieza che nn avevo mai fatto e di conseguenza non potevo avere paura vera...
Alla fine ho avut un parto velocissimo anche io,e il giorno dopo camminavo anche se ero dolorante...per dirti la verita io avrei paura più del cesareo perchè è sempre un intervento..
Avatar utente
mammamartina
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 3684
Iscritto il: lun ott 20, 2008 4:17 pm

Messaggio da mammamartina »

Quoto lupina.....

anche io avevo il terrore del dolore del parto e ho deciso controcorrente di affrontarlo guardando più documentari possibili e cercando di capire e imparare cio che mi sarebbe accaduto. M i è stato di aiuto sapere in ogni momento cosa succedeva al mio corpo e intorno a me....questo per la mia parte razionale.

per il resto io ho escluso a priori il cesareo....trooe complicazioni dopo il parto, invece con il naturale ho potuto prendere subito la bimba in braccio e portarla da sola in camera!
misetta

Messaggio da misetta »

la mia infatti è una situazione di paura del dolore...l'idea di essere subito coscente e pronta a prendermi cura del mio piccolo mi da una grande forza ma poi mi viene da pensare alle ore di travaglio, ai medici che praticamente ti saltano sopra per aiutarti spingendo sulla pancia...
è vero che poi ogni situazion è a se stante...mia madre mi dice sempre che quando fu di me ( prima figlia di 3) arrivò in ospedale alle 23.15 ed io nacqui alle 1.20 e questo in qualche modo dovrebbe essere un po' incoraggiante... mi sono già informata con l'ìospedale ( San Filippo neri a Roma) e loro fanno l'epidurale per prassi, dopo visita con l'anestesita, a meno che tu decida di non volerla... ma l'epidurale allegerisce i dolori del travaglio.. giusto?
Rispondi