pediatri a confronto

Per parlare dei più piccoli, da 0 a 5 anni
Rispondi
Ariale

pediatri a confronto

Messaggio da Ariale »

Il pediatra lo scegliamo e siamo liberi di cambiarlo (ove e quando possibile).
Incontro una mia ex compagna di scuola. La sua pediatra è la più rinomata della città, ma a parte questo, o forse proprio per questo, mi sono chiesta e le ho chiesto perchè non la cambia visto che:
- alla richiesta del certificato medico per il corso di acquaticità in piscina (il bimbo ha 2 anni) la suddetta le ha risposto che "a quest'età non ha nessuna utilità, se vuole glielo faccio, ma sono soldi buttati e poi il bambino ha bisogno di stare con la mamma a meno che lei non voglia stare senza suo figlio";(come se lo portassi lì, lo buttassi in acqua ed andassi al bar a leggerti il giornale col cappuccino davanti)il nostro pediatra considerato il più scalzacane della città,per il certificato a 6 mesi non ha fatto nessun commento di nessun tipo e non ha voluto un euro anche se andrebbe pagato
- al mare in estate la pediatra le ha detto che portarlo tutti i giorni non va bene e se lo porta è solo perchè lei (la mamma) si vuole abbronzare; il nostro pediatra mi ha consigliato di portarla anche nelle belle giornate invernali;
- non ho capito in quale occasione ma sempre la super pediatra le ha detto "lei non sa fare la mamma"; il nostro, se solo lo avesse pensato, non sarebbe più il nostro pediatra

...però è brava:ha curato un'influenza in 3 giorni!! Basta questo per farsi infamare e umiliare dalla più brava pediatra in circolazione?? Vabbè, poi ho tralasciato il discorso allattamento che ha fatto abbandonare ai soliti 4 mesi e mezzo perchè il LM non bastava più (e il nostro pediatruccio di infima categoria appoggia l'allattamento materno fino ai 2 anni se si vuole) perchè dalle cose descritte sopra forse è stato il male minore.
Non dovrebbe esserci un "limite" oltre al quale un professionista, specie se medico, non dovrebbe andare?



Avatar utente
alce
Utente Vip
Utente Vip
Messaggi: 1312
Iscritto il: lun ago 31, 2009 10:15 pm

Messaggio da alce »

sì un limite ci dovrebbe essere... visto che non riguarda il pediatra in che modo una sceglie di fare la mamma... anche me ne andassi a prendere un cappuccio mentre il bimbo è in piscina, a lui non riguarda! (che poi che male c'è a prendere fiato?!).
Ma non sono i pediatri, sono i medici, la gran parte dei medici... si permettono di dire quello che vogliono... hai presente dott. house? se non salvasse vite non potrebbe fare lo stronzo. Ecco... i medici si sentono spesso onnipotenti, il loro sapere è esclusivo.
Chiaro che ci sono anche ottimi medici che sanno essere umili e rispettosi... forse più rispettosi che umili... eheh!

Avatar utente
Barbara.
Ambasciatore
Ambasciatore
Messaggi: 7654
Iscritto il: ven mar 20, 2009 12:18 pm

Messaggio da Barbara. »

Ariale ha scritto: - alla richiesta del certificato medico per il corso di acquaticità in piscina (il bimbo ha 2 anni) la suddetta le ha risposto che "a quest'età non ha nessuna utilità, se vuole glielo faccio, ma sono soldi buttati e poi il bambino ha bisogno di stare con la mamma a meno che lei non voglia stare senza suo figlio";(come se lo portassi lì, lo buttassi in acqua ed andassi al bar a leggerti il giornale col cappuccino davanti)il nostro pediatra considerato il più scalzacane della città,per il certificato a 6 mesi non ha fatto nessun commento di nessun tipo e non ha voluto un euro anche se andrebbe pagato
Ma in teoria non si dovrebbe pagare.
Noi, come società sportiva rilasciamo un foglio che i genitori portano al pediatra e lui rilascia il certificato SENZA PAGARE. Però non so da che età parte, non vorrei che fosse x bimbi oltre 3 anni. Ma in ogni caso penso che per bambini non bisognerebbe farlo pagare e poi se uno vuole portarlo in piscina ma che gli frega al pediatra!!!!

Rispondi